ARRIVA IL 2015, RIFLESSIONI SUL 2014

Standard
foto di Giovanni Canitano

foto di Giovanni Canitano

Un altro anno della nostra vita se ne va. Il che mi provoca sentimenti misti. Un po’ di tristezza per ciò che comunque finisce, un po’ di seccatura perché già so che almeno fino a metà febbraio editando le date il refuso sarà dietro l’angolo  … 2014.. 2015. C’è la gioia di andare verso alcune cose che già mi attendono. C’è una presa di posizione e consapevolezza su alcune faccende lavorative, dai livelli retributivi al carattere e tipo di lavoro, agli argomenti.

Si va sempre più affermando un modus vivendi, spero che ve ne siate accori anche voi, ma in caso contrario, vi spiego la mia visione. Anni fa Obama ha iniziato una nuova era al grido di “YES WE CAN”. Oggi la rete risponde con un forte e ben chiaro I CAN AND I WILL che mi viene da associare a concetti come iPhone e iPad o meglio a i-qualsiasi cosa. Questa è la nuova era, dove l’Io è legato indissolubilmente alla tecnologia e alla rete, sempre ‘Io’ ovviamente, ma molto meno potente e consapevole, se disconnesso. E c’è una parte di mondo, disconnessa parzialmente o del tutto, che demonizza la rete perché vi succedono cose strane o dove ci sono i mostri e dove i nostri figli perdono ore di vita. Panzane! Non è così che vanno le cose.

i-can

Internet se usata eticamente è la più grande dimostrazione di democrazia che il mondo abbia mai conosciuto, perché può essere reale. E quando le persone capiranno appieno il valore e l’importanza di questo collegamento strategico tra uomini comuni, ci potrebbe essere il vero cambiamento. I giovani hanno a disposizione un’inesauribile fonte di notizie e idee e al contrario vanno incitati a partecipare e a contribuire eticamente per incrementare e migliorare sempre più i contenuti. E poi, purtroppo, il mostro è sempre più vicino a noi. Adescamenti di rete sono più rari, mentre fenomeni come il femminicidio o di violenza su bambini sono sempre più statisticamente ‘domestici’. Quindi, occhio e supervisione, ma state tranquilli. Il mio consiglio per l’anno nuovo: in rete siate voi stessi sempre. Buon 2015 ! E per finire un po’ di considerazioni per fare il punto.

COSA E’ SUCCESSO NEL 2014

COSA STA PER SUCCEDERE NEL 2015

SOCIAL POPUP ICOMPANY

 

LAVORATIVAMENTE

E’ stato un anno molto bello e sto sempre più sul pezzo > FATTI I FATTI MIEI QUI Abbiamo qualche problema lato contrattuale. Per questo ho aggiunto un commento al post riflessivo di fine anno di Mark Zuckerberg, Mark there is an army of people working for and on Facebook We have no title! So we have no specific contract related with our activity. We don’t even have a name. Am I a Social Media Manager? A Facebook moderator? Additionally, I don’t Know in the USA, but in Italy we are under-paid. And it’s ridiculous that still today in Italy we are paid much less of traditional (paper) Press agents, while promoting events or whatever we promote. We need our role to be recognized. Help us 

COSE CHE FAI FINTA DI AVER DIMENTICATO

Nel 2014 non c’è stato un momento senza guerra e, di fatto, ad oggi non si ferma. Potrei sembrare retorica, ma è la verità. Guerra ovunque. Dai piccoli condomini, anzi peggio dal cuore del focolare domestico fino al mondo intero, Gaza,  Siria, Iraq, etc.. E’ penoso veder bruciare tutto, vita, soldi e sogni per qualcosa che in fondo non avremo mai. Una forte minoranza che governa e decide ha dimenticato che siamo solo di passaggio nella storia e sulla terra.

COSE CHE HO SCOPERTO nel 2014

I dieci comandamenti in realtà sono un elenco di 23 concetti. E per arrivare alla versione che tutti conosciamo, sono state fatte modifiche e aggiornamenti vari. Diciamo modellamenti necessari. La prima versione, che se fosse un’App potremmo chiamare Comandamenti V 0.1, si trova nel Deuteronomio, quinto libro della Torah ebraica e della Bibbia cristiana.  Di questo grande elenco mi ha colpito tutto, ma sopratutto il punto (9) Non ti prostrerai davanti a loro e non le servirai, perché io, l’Eterno, il tuo DIO, sono un Dio geloso che punisco l’iniquità dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano, e poi prosegue (10) ma uso benignità a migliaia verso quelli che mi amano e osservano i miei comandamenti. Il che mi riporta alla precedente riflessione.

MI CONOSCO SEMPRE DI PIÙ

Ho capito perché odio le feste ‘Comandate’! Perché non sopporto le costrizioni culinarie. io mangio quello che voglio e quando voglio.

EVENTO DEL 2014 | CONCERTO ROMANO  The Rolling Stones

 

di Cristiana Piraino

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...