QUICK PRESS: ELISABETTA al COTTON CLUB

Standard

elisabetta antonini

Ph di Claudio Martinez

Top concert di apertura della nuova stagione al Cotton Club. Questa sera set di Elisabetta Antonini. E’ sempre il caso di dire brava e bella parlando di lei. Una voce morbida che ti sussurra il jazz ma che lo sa anche scandire perfettamente secondo le regole non sempre scritte del jazz più classico. Il suo timbro mi piace moltissimo, perché ha tutto ciò che conta, estensione, flessibilità e  unicità grazie a quella impercettibile ma intensa sporcatura finale, un ‘soffio’ voluto che rende la sua voce un gioiello raro.

Il progetto che presenta al Cotton viene annunciato ‘di jazz moderno’ di certo per come sarà interpretato anche se in realtà utilizza come riferimento la Blue Note Records attraverso i brani di alcuni grandi di sempre come Horace Silver, Joe Henderson, Clifford Brown, Sonny Rollins, John Coltrane, Thelonious Monk che l’Etichetta immortalò in storiche incisioni discografiche e che Elisabetta ripropone in chiave nuova e con un pizzico di originalità grazie al organo che sta proprio a sottolineare la componente groovy e funk di questa musica. 

Una curiosità -> Visitate la TIMELINE della Blue Note Record per scoprire la storia dell’etichetta e di conseguenza del jazz mondiale 

 

di C.Piraino

Annunci