RUFUS L’ARTISTA, QUELLO VERO

Standard

foto 3

Ieri sera sono stata ospite del Monk Club di Roma dove ho avuto il privilegio di assistere al concerto di Rufus Wainwright. Un set di voce e piano e, per alcune canzoni, di chitarra e voce. Un solo-concert che ha lasciato nel pubblico un senso di piacevole sollievo. Almeno credo di aver letto questo nei volti di tutti al termine, ed è un sentimento che in prima persona io stessa ho provato. Rufus colpisce moltissimo per gli aspetti vocali e interpretativi, forse più che per il repertorio, sebbene i suoi pezzi siano veri e propri gioielli, incastonati in uno sfondo di generale malinconia che evidentemente gli appartiene.

Continua a leggere