LE PAROLE DI SANREMO 2009

Standard

 

Stanno scorrendo parole come fiumi dal palco dell’Ariston di Sanremo. Grande spazio alla libera espressione dei sentimenti e degli stati d’animo. Il merito è certamente della direzione artistica che, lo ammetto, ci sta regalando il festival migliore degli ultimi anni. Dalla parole di O. Wilde nella straordinaria citazione di Benigni, relative all’amore omossessuale alle parole di Pino Daniele che incita la propria citta, Napoli, a non dimenticare il passato per continuare nel cambiamento. Le parole di artisti grandi come Bacharach, Dalla o Cocciante  per sostenere i giovani in gara.

Tante belle parole anche nei testi delle canzoni del Festival 2009. Alcune di queste parole mi hanno colpito per le profondità dell’animo che vanno a scoprire, lasciandone intravedere le fragilità. Molte persone sicuramente si riconoscono nel racconto di un amore perduto e del  dolore che lascia il suo vuoto, un solco a volte impossibile da colmare. Un marchio invisibile, ma indelebile, tatuato sulla nostra anima. E’ forse questo è il segno dei tempi che viviamo? E se mi hanno colpito è anche perchè come dice Pino Le donne vivono d’amore  e Per ogni donna c’è una stella e un desiderio arriverà  (tratto dal testo UN DESIDERIO ARRIVERA’ di Silvia Aprile scritta da Pino Daniele).

 

tratto dal testo E IO VERRO’ UN GIORNO LÀ
di Patty Pravo

Com’è successo, che proprio io,
abbia spento il tuo sorriso!
Nel silenzio di una colpa
Che non riesco a perdonare…
L’immenso vuoto che hai lasciato, il mio corpo non può colmare,
perché l’eterno è così grande
che nulla può contenere
dentro me…

______________________

tratto dal testo COME FOGLIE
di Malika Ayane
scritta da Giuliano Sangiorgi

E’ piovuto il caldo
Ha squarciato il cielo
Dicono sia colpa di un’estate come non mai
Piove e intanto penso
Ha quest’acqua un senso
Parla di un rumore
Prima del silenzio e poi…
E’ un inverno che va via da noi
Allora come spieghi
Questa maledetta nostalgia
Di tremare come foglie e poi
Di cadere al tappeto?
D’estate muoio un po’
Aspetto che ritorni l’illusione
Di un’estate che non so…

______________________

tratto dal testo UN UOMO SENZA ETA’
di Francesco Renga

Per te canterò
Per te solo per te
Poi sorridere
A chi non lo sa
Quanto male fa
Ricordare di noi
Porto dentro l’anima
Questa pena che
Si confonde con la realtà
Ora in scena va
L’uomo senza età
____________________

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...