SIATE IL MEGLIO

Standard

mondo social

[Archivio personale 2011]

Oggi tornano alla mente alcuni versi di Martin Luther King “Siate il meglio di qualunque cosa siate. Cercate ardentemente di capire a cosa siete chiamati e poi mettetevi a farlo appassionatamente”. Se pensiamo ai cambiamenti straordinari che quell’uomo ha provocato nelle coscienze, non solo dei politici del suo tempo, ma nel mondo intero, quelle sue parole, così vere e così semplici, evocano in noi una serie di pensieri: dalla Shoah, culmine tragico di eventi che hanno coinvolto milioni di persone nel ’900, alle inquietanti tensioni nei paesi del nord Africa, di queste ultime ore.

Avvenimenti di certo lontani l’un l’altro nel tempo, che però ci interrogano sempre allo stesso modo: ma se Hitler avesse avuto contro di lui Facebook? e se Martin Luther King avesse potuto giovarsi di un network come Twitter? e se i ragazzi dell’89 di piazza Tienanmen avessero formato un gruppo su Facebook, come gli attuali ‘social rebel’ della Tunisia o dell’Egitto? Ovviamente la risposta è anacronistica, anche se dentro di noi esiste. Ed è una risposta di grande suggestione. Anche se è vero, non possiamo portare indietro l’orologio del tempo, ma possiamo solo guardare avanti.

Il 25 gennaio scorso (ndr. 2011) il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, nel corso dell’ultimo State of the Union Address, in un’interessantissima escursione sui futuribili, in fondo l’ha compiuto quel collegamento tra passato e futuro, facendo ponte sull’oggi, indicando al mondo una prospettiva straordinaria.

Barack Obama ha infatti parlato dei nuovi eroi di Internet, paragonandoli a Edison o ai fratelli Wright. Nel suo caratteristico modo di raccontare il presente lasciando intravedere un sogno, è come se avesse parlato al ‘Sogno’ di ciascuno di noi quando pensiamo a nuove concrete opportunità di lavoro, di progresso individuale e delle nostre comunità, che oggi attraversano un tempo di crisi non solo economica. E’ come se avesse sollecitato in ciascuno – e qui ritrovo lo spirito di Martin Luther King – ciò che tutti possiamo condividere e che presto si realizzerà, se ci crediamo e se lo vogliamo davvero.

La realtà che Obama suppone, e non solo per gli USA, è un grande piano di investimenti sull’innovazione, finanziando la ricerca nei vari settori dell’Information Technology. Parole pesanti, quelle del Presidente americano, perché indicano con decisione la via del cambiamento che oggi è strettamente necessario e indifferibile, cui la politica da subito deve dare risposte in ogni parte del mondo più avanzato. Quindi innovazione e cultura della ricerca, Information Technology come medicina per i nostri problemi di crescita. Probabilmente è questa la chiave che aprirà le porte del futuro alle generazioni giovanili e renderà più sostenibile il confronto oggi non facile tra le generazioni. Ne è convinto Obama, che investe questa prospettiva sullo scenario dell’American Way of Life, ma offre un ‘assist’ opportuno anche per il Vecchio Mondo e per quei nuovi grandi emergenti, dalla Cina, all’India, al Brasile, che su questa strada già vanno spediti.

INFO SULL’ARTICOLO

Siate Il Meglio – 2 feb 2011
di Cristiana Piraino
Marketing Manager OpenText Italia
pubblicato su Media Duemila, la più longeva rivista italiana di cultura digitale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...