DUE GRANDI VOCI INSIEME

Standard

Due grandi voci italiane insieme per un nuovo lavoro. Ti vorrei sollevare di Elisa che ha invitato a duettare Giuliano Sangiorgi, leader, voce e compositore di Negramaro. Il nuovo singolo di Elisa feat. Giuliano Sangiorgi è tratto dall’album “Heart” in uscita il 13 Novembre 2009 per la Sugar music a cui i due artisti sono legati.

Vodpod videos no longer available.

Ti vorrei sollevare, Elisa & Giuliano Sangiorgi

Elisa Toffoli nasce a Trieste il 19 dicembre 1977. Cresce a Monfalcone (GO), nel nordest dell’Italia, ai confini tra l’Austria e la Slovenia. Fin da bambina esprime una grande sensibilità artistica: danza, dipinge, recita e scrive racconti. L’amore per l’arte cresce quando si ritrova immersa della lettura delle poesie di Rudyard Kipling e delle liriche poetiche di Jim Morrison. Tuttavia la naturale evoluzione del suo talento si esprime nella musica: all’età di undici anni scrive i suoi primi testi e compone le prime melodie. Qualche anno dopo questa sua vocazione cresce ed Elisa comincia ad esibirsi con varie band locali sperimentando vari generi musicali. E’ una via senza ritorno. per leggere di più fonte: elisatoffoli.com

Giuliano Sangiorgi nasce nel 1979 a Copertino, in provincia di Lecce. Fin da bambino è attraversato dal fuoco sacro della musica: inizia a suonare la chitarra precocemente poi il piano e, nel corso della sua adolescenza, matura l’esigenza di “fare” musica più seriamente. Nel 2000 dà vita al progetto negramaro: sei musicisti che, grazie alle numerose esibizioni dal vivo, diventano ben presto un fenomeno emergente del circuito alternativo. Giuliano, fin dagli esordi della band, è autore di tutti i testi e le musiche dei negramaro. per leggere di più: fonte sugarmusic.com

Annunci

Leggere la Canzone I/08

Standard

Pensiamo alla Musica per lo più come alla melodia che scaturisce dalle note e a volte, mentre cantiamo automaticamente, non diamo ai testi l’importanza che meritano. La forza di un bel pezzo nasce anche dalla qualità dei versi. Alcune di queste parole ci accompagnano sempre, ci aiutano a crescere, ci indicano una strada, ci mostrano universi paralleli ed opposti. A volte diventano gli slogan della nostra vita o le parole che non riusciamo a trovare. Ma ancor di più, alcune fanno sì che la musica diventi sublime e quando ciò si verifica io provo a scindere la musica dal testo, cercando la melodia nelle parole…

Almeno tu nell’universo è una delle più belle canzoni d’amore della musica italiana, unica per intensità nell’interpretazione di Mia Martini. La canzone venne scritta da Bruno Lauzi nei primi anni ’70. Ma per il messaggio trasmesso, troppo avanti per l’epoca, rimase sconosciuta fino al 1989, quando dal palco dell’Ariston, grazie alla più grande Mia Martini, dimostrò tutta la sua potenza vincendo il Premio della Critica e ottenendo la standing ovation del pubblico.

Nell’ottobre 1995, Mina ha reso omaggio a Mia Martini con «una di quelle interpretazioni da brivido che lasciano il segno» incidendo Almeno tu nell’universo per il suo album Pappa di latte. (Wiki) La stessa canzone è stata riportata al successo nel 2003  per la colonna sonora del film Ricordati di me di G.Muccino dalla cantautrice Elisa, che le ha poi reso nuovamente omaggio interpretandola in occasione della cinquantasettesima edizione del festival di Sanremo. (Wiki)

Il testo è una poesia dell’anima. Racconta la paura di amare e di non essere amati in un mondo di gente indecisa e volubile. Dimostra urlando dolcemente il proprio bisogno di punti fermi a cui fare riferimento. La trovo veramente attuale..

 — T —

sai, la gente è strana, prima si odia e poi si ama, cambia idea improvvisamente
prima la verità, poi mentiranno senza serietà, come fosse niente

sai, la gente è matta, forse troppo insoddisfatta, segue il mondo ciecamente
quando la moda cambia lei pure cambia continuamente, scioccamente

tu che sei diverso almeno tu nell’universo
un punto sei che non ruota mai intorno a me
un sole che splende per me soltanto come un diamante in mezzo al cuore

sai, la gente è sola, come può lei si consola
non far sì che la mia mente, si perda in congetture, in paure inutilmente, poi per niente

tu che sei diverso, almeno tu nell’universo
non cambierai dimmi che per sempre sarai sincero
e che mi amerai davvero di piu’.

 

Vodpod videos no longer available.