JAZZ. LA “NEW RESEARCH” DI ALDO BASSI

Standard
cd_cover
 foto: moretti – lisotti www.silvialisotti.it


ALDO BASSI QUARTET 
15/12 (lunedi) Alexander Platz  h. 22 Via Ostia 9 
MORE INFO  MYSPACE

Aldo Bassi tromba
Alessandro Bravo pianoforte
Stefano Nunzi contrabbasso 
Alessandro Marzi batteria

Il quartetto, presenta in anteprima alcuni i brani originali scritti da A.Bassi, contenuti nel CD in uscita nel 2009 New Research“. Un repertorio che stilisticamente si accosta sia al mondo europeo che a quello americano, seguendo le trasformazioni che il jazz sta avendo negli ultimi anni. Nei brani sono frequenti tempi dispari e poliritmie, mentre armonie e  melodie attingono alla familiarità della musica classica. L’improvvisazione rimane l’elemento forte che completa il “sound” del gruppo.

________________________________________________________________

INTERVISTA AD ALDO BASSI di Cristiana Piraino

D: l’album in uscita “New Research” racchiude nel termine il concetto di nuove sperimentazioni. Quali sono gli ambiti musicali verso i quali ti sei spinto per realizzarlo?  

ALDO BASSI: l’ambito musicale di ricerca è soprattutto quello rirmico e formale, cioè insito della forma e nella struttura dei brani. Mentre le armonie sono abbastanza innovative e ricercate, le melodie hanno un sapore familiare e non presentano complessità.  C’è stata la volontà di trovare nuove soluzioni a livello ritmico-melodico e ritmico-armonico. In senso formale, alcuni brani hanno una stesura  abbastanza inusuale e complessa.

D: quali sono i brani che riportano più di altri il risultato della nuova ricerca? 

ALDO BASSI: diciamo che i brani che più di altri rappresentano il buon esito della mia ricerca sono  new reaserch, disparo, a paris e in the orange. Ad esempio disparo in 13/8  e new research in 13/4  metricamente si portano sul terreno abbastanza insolito, percorso negli ultimi anni anche da jazzisti americani, delle ritmiche dispari alle quali mi sono ispirato in parte e che rappresentano la mia necessità di esplolare metriche differenti e più complesse.

D: come nasce l’Aldo Bassi Quartet? 

ALDO BASSI: la collaborazione con Alessandro Bravo nasce quattro anni fa in occasione della formazione del nostro Duo, con i quale abbiamo montato inizialmente vari repertori di autori vari tra i quali uno interamente dedicato a Enrico Pieranunzi e successivamente abbiamo composto alcuni brani pubblicati nel CD Sirio, uscito nel gennaio 2008.  Alessandro è un eccellente pianista con una raffinatezza armonico-melodica unica. Per quanto riguarda Stefano Nunzi e Alessandro Marzi, li ho potuti apprezzare in occasione di collaborazioni con altri gruppi. Di loro mi ha colpito la bravura e la versatilità. In particolare di Stefano la solidità e la creatività, mentre di Alesssandro la grande sensibilità che gli consente di cogliere anche la più piccola delle sfumature.

Annunci

CESARE CREMONINI A ROMA

Standard

11 DICEMBRE A ROMA CESARE CREMONINI 
“Il Primo Tour sulla Luna”
Gran Tatro, Viale di Tor di Quinto.  h. 21:00 
Prezzo: 20,00 €   WEB CESARE    BUY TICKET
___________________________________________

Cosa Dicono di Te ?

Cesare Cremonini, talento e personalità estroversa del panorama pop italiano arriva alla musica attraverso lo studio dei classici ed un pianoforte che, da subito, diventa il suo strumento. La sua musica nasce direttamente da e per il piano ed è così che riesce ad essere forte e dolce, melodica con un accompagnamento ritmico incalzante. Dai testi si riesce a percpire la dimensione di un animo romantico e poetico, ma ugualmente realistico nel disegnare scene di vita quotidiana di un bravo ragazzo di provincia. E’ forse questa la sua forza, essere strordinariamente normale.

A dispetto dell’età anagrafica raccoglie molti anni di esperienza e di studio. Sin dall’adolescenza scrive musica e forma gruppi fino ad arrivare nel 1999 come un fulmine a ciel sereno sul mercato discografico al volante della sua vespa 50  insieme ai Lunapop, dando così un volto ad almeno due generazioni di persone che di quella vespa e di quel modello hanno fatto uno stile di vita. Poi, tutto d’un fiato, il grande successo, i riconoscimenti, milioni di dischi venduti e anche qualche parte nel cinema.

Oggi Cesare porta avanti la sua musica con una  la carriera da solista di tutto rispetto e il suo quarto album pubblicato nel 2008, Il primo bacio sulla Luna, è entrato direttamente al numero uno degli album più acquistati su I-Tunes. Questa sera 11 Dicembre al Gran Teatro di Roma presenterà l’ultimo lavoro oltre ai brani più significativi del suo percorso musicale.

Lo considero un artista che grazie alla musica è riuscito a guardare in avanti e che per la musica ha saputo intraprendere dei percorsi alternativi dopo il grandissimo successo ottenuto con i Lunapop. Per quasi tre  anni infatti è uscito dalla scena musicale per poi tornare cambiato e cresciuto nel 2005 con l’album di successo e il relativo mega tour Maggese – che come lui stesso definisce è un campo lasciato per qualche tempo in riposo, senza seminarlo, perché poi possa ridare frutto.

Vodpod videos no longer available. 
Dicono di me – 2008 da Il Primo bacio Sulla Luna

………ma come è bello andare in giro con le ali sotto ai piedi se hai una vespa specia che ti toglie i problemi……

 
__________________________________________

CURIOSITA’ DALLA RETE

Invito a visitare il sito web di Cesare Cremonini che accoglie i visitatori con un pianoforte affacciato sulle colline bolognesi, di giorno illuminate dalla luce del sole e, di notte, incorniciate dentro un cielo stellato. Ottima la grafica, ricco di contenuti e link di approfondimento. La connessione diretta su I.Tunes permette di acquistare in pochi secondi tutta la sua musica. Decisamente unico nel suo genere.