IL TEMPIO DELLA CLASSICA FA UN PASSO IMPORTANTE: GONFALONE JAZZ 2019

Standard

Il prestigioso Oratorio del Gonfalone, tempio della musica classica romano, compie un passo importante verso quella che, certamente, domani sarà considerata musica classica. Si apre al jazz, inaugurando con il mese di Aprile un cartellone di ‘classic jazz’, da Sinatra a Ray a Billie. In bocca al lupo a loro. Gran bella idea! 

[FONTE CS]                

ORATORIO DEL GONFALONE Stagione 2018-2019 il jazz e il soul-pop arrivano al Gonfalone: due Venerdì dedicati a Frank Sinatra, Ray Charles e Billie Holiday 

L’Oratorio del Gonfalone inaugura un nuovo filone di concerti che intende omaggiare il jazz e le voci che hanno contribuito ad arricchire la storia del fortunato genere musicale. Continua a leggere

Annunci

I GATTO: AL PLATZ E’ SEMPRE PIÙ FAMILY

Standard

Il mese di Aprile al Platz inizia con un ‘botto’. Della grande famiglia del Jazz, e qui è due volte il caso di dirlo, un bellissimo esempio. Il 1° Aprile ascolterete la giovane figlia d’arte, Beatrice Gatto, voce magnetica in sinuose vibrazioni jazz e oltre. E, a seguire, arriva il genitore, perché il 2 e 3 Aprile sarà Roberto Gatto il protagonista con un  nuovo progetto, straordinariamente maturo ed espressivo, in cui Gatto ritrova la dimensione prettamente acustica grazie all’ausilio di tre compagni di palco che rappresentano al meglio il panorama jazzistico italiano oggi  

Continua a leggere

VARELA, PER FLAMENCO JAZZ, HO TROVATO IL SUONO PERFETTO

Standard

Il grande batterista e compositore  messicano Israel Varela presenta a Siviglia ed Atene, una nuova linea di piatti firmata a suo nome, prodotta dalla Diril Cymbals, azienda artigianale turca, con sedi in tutto il mondo, oggi garanzia di grande qualità per il settore.

La linea, denominata “Flamenco Jazz”, nasce da un’esperienza reale di Varela che unendo la sua vocazione jazzistica alla vita vissuta a Las 3000 Viviendas di Siviglia, quadrilatero di arte, musica e soprattutto barrio del Flameco per eccellenza, ha adattato alla batteria le strumentazioni tipiche del flamenco. Venti lunghi anni di esperienza, che gli hanno permesso di trovare il suono perfetto per bilanciare ed unire i due mondi.

Il seminario che si terrà nei prossimi giorni, il  21/3 a Siviglia ed 23/3 ad Atene, e che speriamo possa aver luogo presto anche in Italia, introduce l’applicazione degli elementi del flamenco, quali cajon, baile e palmas alla batteria, per poi adattarli al jazz. “Ho potuto constatare – racconta Varela – che questi elementi sono stati molto funzionali sia nei concerti con i migliori musicisti del flamenco come Diego AmadorJorge Pardo, sia in concerti di Jazz con Pat Metheny o Charlie Haden.”

Continua a leggere

LA CITTÀ DI ORTACCIO JAZZ | 14^ ed. 11-15 Luglio

Standard
Quattro pacchetti di patatine aperti sul tavolo del bar e tre campari, con ghiaccio. Sembrava una giornata come le altre. Il rito dell’aperitivo si stava consumando stancamente quando uno dei tre la buttò lì: “Però, sarebbe bello organizzare un festival jazz in questo paese.” Ed è così che, quattordici anni, fa da una chiacchierata al bar nasceva Ortaccio Jazz Festival, rassegna di nomi tutti italiani (orgogliosamente) con un cartellone che negli anni ha visto salire sul palco solo grandi artisti del jazz.

Erano 4 amici al bar che volevano cambiare il mondo … e ci sono riusciti, almeno per quanto riguarda il loro mondo. Di certo, sarebbe stato più facile portare il folk regionale (eh! nei paesini piace) oppure, come spesso accade, bastava mettere un djset per assicurare la bevuta. Ma no! Loro hanno scelto il jazz. Con la sua complessità all’ascolto, di cui si comincia a godere superato quel muro che inevitabilmente si innalza per una grande quantità di persone,  solo per il fatto di ‘ignorarne’ l’esistenza e quindi di non saper comprendere tale linguaggio. Non parliamo di cultura tanto meno di nozioni. Ma siamo pur sempre il paese dei flauti dolci nella scuola.

Continua a leggere

PEACE & JAZZ PE’ STRADA PER EMERGENCY 5&6 MAGGIO | ROMA

Standard

MUSICA A BRACCIA APERTE AI FORI IMPERIALI IL 5 E 6 MAGGIO CON STEFANO DI BATTISTA E IL MEGLIO DEL JAZZ ITALIANO.

EMERGENCY torna “Pe’ Strada”. Quest’anno, dopo tre edizioni che hanno visto protagonisti i buskers, l’organizzazione umanitaria celebra la grande musica jazz in un evento rinnovato, dal nome PEACE & JAZZ PE’ STRADA, che prevede una gioiosa maratona musicale che andrà avanti dal primo pomeriggio di sabato 5 maggio fino al tramonto, con la partecipazione dei più grandi artisti italiani (e non solo) sotto la direzione artistica del sassofonista Stefano Di Battista.

PEACE THERAPY AI FORI IMPERIALI L’appuntamento con PEACE & JAZZ PE’ STRADA è sabato 5 e domenica 6 maggio a via dei Fori Imperiali – lato Piazza Venezia – dove sarà allestito un piccolo “villaggio Emergency” con due palchi per le performance musicali e gli stand in cui sarà possibile informarsi sulle attività dell’organizzazione e trovare i suoi gadget. Tra le novità di quest’anno c’è PEACE THERAPY, un innovativo percorso grazie al quale i visitatori potranno rivivere le storie dei pazienti che ogni giorno vengono accolti negli ospedali di EMERGENCY in Afghanistan e Iraq, attraverso un’esperienza immersiva fatta di filmati, immagini e realtà virtuale. Peace Therapy sarà visitabile per tutte le giornate di sabato 5 e domenica 6 maggio.

PEACE & JAZZ PE’ STRADA – SABATO 5 MAGGIO Sabato 5 maggio, a partire dalle 15, l’evento PEACE & JAZZ travolgerà via dei Fori Imperiali con performance musicali itineranti e dedicate ai bambini e poi con una jam session non-stop che coinvolgerà alcuni tra i più grandi nomi della scena jazz italiana, accolti dalla voce di Gino Castaldo, critico musicale di Repubblica. Sotto la guida del direttore artistico Stefano Di Battista, ad animare PEACE & JAZZ  PE’ STRADA saranno la Old Dixieland Swing Band, Walter Ricci, il coro giovanile Noteincantate della scuola popolare di musica Donna Olimpia diretto da Maria Grazia Bellia con la pianista Marzia Mencarelli, la violinista ungherese Luca Kedzy, la cantante Maria Pia De Vito, il contrabbassista Enzo Pietropaoli, il batterista Roberto Gatto, la pianista Rita Marcotulli, il pianista Andrea Rea, il chitarrista Daniele Sorrentino, il batterista Luigi Del Prete, il chitarrista Giovanni Baglioni, la sassofonista e cantante Cristiana Polegri and the Soulmates, il musicista e attore Stefano Fresi, il pianista Enrico Zanisi, la cantante Nicky Nicolai e poi Ladyvette, Piji, il sassofonista Luca VelottiSwing Valley Band e i ballerini di Swing Circus. Continua a leggere

LOVE AND OTHER SIMPLE MATTERS | Roberto Tarenzi Trio NEW CD & Live a Roma

Standard
Nella discografia Jando Music è arrivato un nuovo bellissimo disco. In collaborazione con Via Veneto Jazz, l’etichetta romana continua a sfornare il meglio del jazz nazionale con importanti presenze della scena internazionale. In LOVE AND OTHER SIMPLE MATTERS, del pianista Roberto Tarenzi ne abbiamo un chiaro esempio. Cover 📷 di Paolo Soriani 

26.1.2018 Concerto di presentazione del nuovo album, “LOVE AND OTHER SIMPLE MATTERS” Roma, Teatro Studio, Auditorium Parco della Musica ore 21:00

Biglietti  | Posto Unico € 15.00
Roberto Tarenzi, piano
James Cammack, contrabasso
Jorge Rossy, batteria

Roberto Tarenzi, nato a Milano nel 1977, è un pianista tra i più talentuosi della scena jazzistica nazionale. Per registrare il suo lavoro della consacrazione sceglie una sezione ritmica internazionale e di grandissimo spessore. James Cammack, il leggendario bassista del pianista Ahmad Jamal e Jorge Rossy batterista (e polistrumentista) iconico del primo trio di Brad Mehldau. Pianisti che hanno ispirato il percorso artistico di Roberto, accanto ad importanti maestri che hanno contribuito alla sua crescita. Scopre infatti il jazz nell’adolescenza e studia con Ray Santisi presso i seminari della Berklee School a Umbria Jazz nel 1994, Franco D’Andrea e Enrico Pieranunzi a Siena Jazz 1996, Enrico Intra e Roberto Pronzato presso i Civici Corsi di Jazz di Milano, dove ottiene il diploma nel 1999. 

Continua a leggere

GIOVANNI TOMMASO ft. ROSARIO GIULIANI | 1 DICEMBRE

Standard

[ATTENZIONE IL CONCERTO E’ ANNULLATO A CAUSA DI UNA CHIUSURA TEMPORANEA DEL ALEXANDERPLATZ]

Ven. 1 Dicembre
Giovanni Tommaso OPEN DOORS
Quartet
Special Guest Rosario Giuliani
Alexanderplatz Jazz Club Via Ostia 9 Zona Prati
Opne 20:30 Live 22:00
€10 Ingresso

ONSTAGE
Rosario Giuliani alto sax
Alberto Parmeggiani chitarra
Giovanni Tommaso c.basso
Marco Valeri batteria

Presentare continuamente progetti originali interessanti e di alto livello è un’impresa non facile, ma il decano contrabassista Giovanni Tommaso sembra riuscirci sempre. Evidentemente la combinazione di unificare stilisticamente sue composizioni originali con alcune rivisitazioni di famosi standards appare vincente.

Rosario Giuliani, uno dei più grandi sassofonisti della scena mondiale, è lo Special Guest coinvolto in questa nuova avventura. L’ultima volta che hanno suonato insieme è stato al San Juan de Puertorico Jazz Festival con APOGEO, unico gruppo europeo invitato,  fu un grande successo ! Alberto Parmeggiani giovane chitarrista, prepotentemente affermatosi, ha fatto parte del quintetto Apogeo suonando con Giovanni in svariate situazioni. Marco Valeri, batterista di alta classe, affermatosi in tutta Europa, ha collaborato con Giovanni in svariate situazioni, abbastanza recente la registrazione del CD “Nelle mie corde” di Jasmine Tommaso, la cantante figlia di Giovanni che vive a Los Angeles da anni ma che grazie al CD e ad alcuni concerti in Italia ha ottenuto critiche lusinghiere nel nostro paese.

———————
Alexanderplatz Jazz Club
since 1984 in Rome
Info & Reservations 0683775604 // from 18:00
prenotazioni.alexanderplatz@gmail.com // h.24
WhatsApp 3384772469
Open doors: 20:30 Live music: 22:00
#dinner #restaurant #livemusic #jazz
Event Calendar : http://bit.ly/2dDSRno
http://www.alexanderplatzjazzclub.it/