GIANNI SAVELLI, UN SIGNORE DELLA MUSICA

Standard

gianni savelli

Sab. 23.2.2013
Gianni Savelli MEDIA RES
Casa del Jazz
Viale di Porta Ardeatina, 55
h. 21:00 Ingresso € 10,00

Un live che produce sempre grandi vibrazioni al pubblico e ai musicisti stessi. Questa sera alla Casa Del Jazz di Roma sale sul palco Media Res di Gianni Savelli , un progetto in continua evoluzione stilistica sebbene mantenuto negli anni rigorosamente acustico, come lo stesso Savelli ama ricordare nell’intervista postata sotto che il mio amico Nicola Navazio gli fece nel 2011 prima di un concerto. Non sarebbe la prima volta che ascolto il progetto Media Res che ogni volta è riuscito ad attirare la mia attenzione dalla prima all’ultima nota. E non stiamo qui a fare una sorta di commento o valutazione sulle composizioni o sulla capacità strumentale di questi musicisti perchè è fuori di ogni dubbio che qui stiamo parlando del top di qualsiasi classifica (se esistesse), anzi si parla di veri fuori-classe. Quindi lascio ogni valutazione ai colleghi esperti di jazz. Io parlo di emozione, che è la cosa mi porta sempre da queste parti a scrivere.

Con Media Res l’emozione è forte. Affascina, incanta, turba, sconvolge, colpisce, ti stringe forte per farti volare alto. E’ assuefazione per le orecchie  .. è inevitabile. Questo è un progetto scritto con l’anima, non per vendere o solo per fare un disco, ma è l’esigenza di un artista di tirare fuori quello che la natura gli ha donato, il talento, e che come tutti i grandissimi vive all’ombra della sua musica senza mai attirare un riflettore su se stesso. Non mi stupisce il fatto che su Facebook il suo gruppo sia frequentato da poche decine di persone. Se poi avete ancora il dubbio se andare o non andare, vi elenco a seguire il gruppo di Gianni (e non lo dico io, ma cito il portale Teatro on line che parla dell’evento):

Aldo Bassi
trombettista e compositore, è uno dei più interessanti musicisti di jazz in Italia. Tiene il corso di Jazz presso il conservatorio di Musica di Benevento.
Enrico Zanisi
giovane pianista vincitore del Top jazz come miglior nuovo talento
Luca Pirozzi
musicista creativo di grande esperienza. E’ tra i bassisti maggiormente richiesti per il suo modo di suonare solido e sicuro, ma al tempo stesso etereo e leggero.
Alessandro Marzi
nato in una famiglia di musicisti, è un batterista assai apprezzato per la sua profonda sensibilità e la spontanea musicalità.

Approfitto per ricordare Nicola Navazio, giornalista appassionato e amico di molti di noi che stiamo dietro le quinte del jazz e che ci lasciò una notte di quasi due anni fa nel sonno. Nicola non ti dimentichiamo!


Interview by Nicola Navazio (Jazz Channel TV) in Rome, Casa del jazz Festival, JUL 29 2011


Semplice – track from “Que la fête commence” album – 2009 Alfa Music

 

di CRISTIANA PIRAINO

Annunci

VILLA OSIO aka LA CASA DEL JAZZ

Standard

Villa Osio fu costruita alla fine degli anni Trenta del novecento quando uno dei fondatori della BNL, Arturo Osio, acquistò l’intera area con l’intento di creare una struttura che ricordasse un casale seicentesco e affidandone la costruzione all’architetto Cesare Pascoletti allievo dell’illustre architetto e urbanista romano Marcello Piacentini, vissuto dal 1881 al 1960 (tra le tante opere ricordiamo l’EUR da lui progettato e realizzato).

Negli anni la proprietà di Villa Osio passò nelle mani di Enrico Nicoletti, temuto boss della banda della Magliana, fino a quando successivamente gli fu confiscata e restituita alla città e i suoi cittadini. Il progetto Casa del Jazz è stato fortemente voluto dal Comune di Roma, cui fu assegnata la Villa dopo la confisca, e dall’allora Sindaco Walter Veltroni. Una lapide posta all’ingresso ricorda le vittime di mafia e testimonia la vittoria della città sulla criminalità organizzata.

La Casa del Jazz in Villa Osio, Viale di Porta Ardeatina dispone di tre edifici circondati da un grande quanto incantevole parco. Nella costruzione principale ha luogo un piccolo auditorium per concerti, viedoproiezioni o semplici incontri e può ospitare un pubblico di 150 persone. Nello stessa struttura è in funzione una biblioteca aperta la pubblico e un archivio audiovisivo, consultabile tramite postazioni multimediali. Negli altri due edifici si trovano sale prova e registrazione, una foresteria per i musicisti e un ristorante.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
(fonte: estratto dal portale della Casa del Jazz)

 

More About

>>> PERCENTOMUSICA ALLA CASA DEL JAZZ

YESTERDAY: CONCERTO TRIBUTO

Standard

Giov. 4|06|2009 MUSICA
YESTERDAY – Il Concerto Perfetto
La Casa Del Jazz
Via di Porta Ardeatina.  h. 21:00
Ingresso Gratuito su prenotazione
fino ad esaurimento posti (info: 06/ 50916567)

…Esistono diamanti perfetti, ma alcuni sono “più” perfetti degli altri, sino al diamante che per lucentezza, peso, taglio, trasparenza, luce e provenienza è il “più” perfetto di tutti … Yesterday è come quel diamante, per fortuna a disposizione di tutti ….

Queste sono le parole di Alfredo Saitto, giornalista e autore del libro “Yesterday -1965 la canzone perfetta” edito da Donzelli Editore … un tributo alla canzone perfetta del Novecento … Oltre ad essere un brano simbolo di un’epoca e pezzo di storia della musica, Yesterday è divenuto uno standard accreditato nei songbook internazionali, un’occasione per ogni musicista in cui misurare il proprio talento interpretativo e verificare il genio musicale dell’autore Paul McCartney.

Il Concerto Perfetto organizzato alla Casa del Jazz dallo stesso Alfredo Saitto vedrà la partecipazione di musicisti di grande talento che presenteranno 15 versioni di Yesterday interpretate in 15 modi diversi. Dal jazz in poi… rock, tango pop soul brasil fusion latin funk ethno folk traditional comics drama instrumental a cappella …..

La serata sarà presentata da Dario Salvatori e interverranno Franco Schipani e Carlo Massarini.

LE FORMAZIONI:

Stefano De Sando: versione recitata con la voce di Robert De Niro
Giuliana Soscia e Pino Jodice Italian Tango Quartet: versione tango jazz
Luca Bulgarelli, Amedeo Ariano, Claudio Filippini:
versione jazz elettrico sperimentale
Grazia Di Michele:
versione in italiano
Elvio Ghigliordini Group:
versione latin jazz
Liberpool già componenti dei Lunapop:
versione brit pop
Bob Masala:
versione per basso elettrico
Lillo & Greg:
versione scoop
Micalizzi Hot Fusion Band:
versione fusion
Vocintransito:
versione a cappella
Giovanni Imparato:
versione percussioni etniche
Tito Schipa Jr.:
versione scrambled eggs/baccalà
Giuliana De Donno:
versione per arpa
Biseo – Sanjust Quartet: versione traditional jazz
Aldo Bassi & Alessandro Bravo Duo: versione per tromba e pianoforte

__________________________________________

Vi segnalo:

Aldo Bassi nell’ensemble del  Bassi Bravo Duo insieme al pianista Alessandro Bravo, una formazione di vecchia data e di grande valore artistico, che dimostra ancora una volta, una vasta cultura musicale, pur appartenendo al Jazz. Bassi e Bravo, che hanno accolto l’invito dell’amico Saitto con entusiasmo, presenteranno una versione molto raffinata del brano ri-arrangiato sapientemente da very taleted Alessandro Bravo.  

MORE INFO:

>>> WEB Aldo Bassi

__________________________________________

 

ALFREDO SAITTO è tra i più autorevoli esperti musicali italiani. Giornalista, saggista, autore televisivo, musicofilo e ideatori di spettacoli multimediali, è un attivo operatore culturale e un attento studioso delle politiche dell’audiovisivo e dei media. Appassionato di The Beatles, ne è considerato in Italia tra i massimi cultori.