BIG BAND, UN GRANDE AMORE

Standard

Video di una eccezionale performance, esempio di grande Big Band, tenutasi tempo fa al teatro Eliseo di Roma. Direttore Tommaso Vittorini.

La Big Band è il Jazz? Su questo punto ci siamo confrontati più volte su queste pagine. Sicuramente rappresenta un momento di altissima condivisione e storicamente le BB sono un esempio perfetto di work in progress, capace di mettere a confronto e unire i musicisti per dare vita a un qualcosa che mostra di avere una sua propria anima indipendente e, nel miglior spirito di gruppo, una sola voce. E’ questa forse la magia della Big band? Una magia che se hai provato una volta, continui a ricercare? Cosa significa far parte di una Big band e successivamente cosa significa guidarla? Perché musicisti come Mario Corvini, Aldo Bassi, Mario Raja e Massimo Pirone a Roma si stanno cimentando in questa che è a tutti gli effetti una impresa difficile, impegnativa.. in pratica tanto ardua, quanto poco remunerativa. Se pensiamo che i club hanno problemi ad ospitare formazioni che superano la dimensione del trio. Tre dei musicisti citati provengono da una stessa Big Band, forse la ‘madre’ oggi in Italia delle BB del jazz. Ovvero la prestigiosa PMJO dell’Auditorium (ex Corvini-Iodice Roma Jazz Ensemble). Anche Raja è un veterano della Big band e ad oggi la sua è una delle più importanti realtà che abbiamo in Italia. Partendo da simili esperienze le iniziative quindi si moltiplicano. Iniziative che sono una dimostrazione concreta di ‘passione’ e da questo deduco che, come per tutte le cose difficili, anche una Big Band è il frutto di un grande Amore. Per scoprire se è così alla fine del post ho dato voce ad alcuni protagonisti. Tommaso Vittorini e Aldo Bassi ci raccontano la loro Big band come musicisti e direttori. Intanto a Roma questa sera vanno in scena due Big Band, quella di Massimo Pirone e di Mario Corvini, il 12 al Cantiere Jazz la big band di Mario Raja, poi il 20 dicembre sarà la volta della Light Big band di Aldo Bassi. Quattro progetti veramente interessanti e completamente differenti tra loro, che vi mostreranno svariati punti di vista e che vi consiglio per quanto nelle vostre possibilità di ascoltare.

Agenda in breve
Lunedì 9.12 MASSIMO PIRONE Big LaBand | Alexanderplatz Jazz Club
Lunedì 9.12 MARIO CORVINI New Talents Jazz Orch. & S. Di Battista | CdJ
Giovedì 12.12 MARIO RAJA Big Band | Il Cantiere
Venerdì 20.12 ALDO BASSI Light Big Band | BeBop Jazz Club

Nel dettaglio del singolo concerto…

Lunedì 9.12.13
MASSIMO PIRONE Big LaBand incontra MICHELE FIANCO
Concerto Reading
Alexanderplatz Jazz Club
Via Ostia 9 – Prati
h.22:0 Tessera club € 10,00

Roberta Giovanardi e Max Leoni – Voce | Gianni Falconi , M. Rossi, Gianluca Urbano -Trombe | G.Testa, E. Ferrante, S. Coccia – Tromboni | F. Coppa – Tuba | M. Di Marco, M.Raffa, A. Maduli Sassofoni | D.Diana, Batteria | D.Pimpolari Basso | G.Mastrovito Chitarra | M.Cannata Piano

La big band di Massimo Pirone incontra la scrittura di Michele Fianco. Da Ella, Sinatra e le grandi orchestre swing alla poesia contemporanea. Un incontro tra voci, passato e presente, America e Italia: una nuova frontiera. Il progetto big band del trombonista Massimo Pirone di 17 elementi si confronterà lunedì 9 dicembre sul palco dell’Alexanderplatz con Michele Fianco, scrittore, esperto di comunicazione e marketing culturale, che reciterà’ poesie in perfetta simbiosi con la musica. Dal sito di Michele Fianco, un pensiero che ho trovato e condivido con voi per sottolinearne l’importanza: Il concerto, il reading. Il matrimonio tra musica e poesia non è certo una novità, tuttavia l’idea di partenza e lo spirito forse sì. Oltre a unire due versanti, quella di autore di versi di ormai ventennale corso e di ‘buon ascoltatore’ jazz da ancora più tempo – l’idea, in breve, è quella di fare della poesia uno strumento solista. Senza intellettualismi, semplicemente cogliendo la natura ritmica dei versi e riconoscendo al jazz una forte influenza su questo modo di scrivere

La band di Pirone porta in scena repertori jazz che raccontano la storia di questa musica, tentativo che a loro riesce molto bene. Pochi giorni fa, con uno special guest veramente speciale, quale è Marcello Rosa, importantissimo trombonista italiano e forse padre putativo di tutti i più giovani strumentisti come Max, è stato presentato al Bebop un repertorio sulla storia del Jazz sotto lo slogan di grande effetto ‘Tutto quello che volevate sapere sul jazz e non avete mai avuto il coraggio di chiedere’.

Lunedì 9.12.13
New Talents Jazz Orchestra di MARIO CORVINI
Special guest Stefano Di Battista
La Casa del Jazz
Viale di Porta Ardeatina 55
h. 22:00 Ingresso € 10,00

Diego Bettazzi, Vittorio Cuculo – sax alto | Luciano Ciaramella, Emiliano Mazenga – sax tenore | Riccardo Nebbiosi – sax baritono | Andrea Priola, Stefano Monastra, Tommaso Iacoviello, Elena Bianchi – tromba | Riccardo Tonello, Stefano Coccia, Mattia Collacchi – trombone | Gianluca Lanzi trombone – basso | Marco Silvi – pianoforte | Luca Berardi – chitarra | Nicolò Pagani – contrabbasso | Davide Sollazzi – batteria

Incontro divulgativo questa sera alla Casa del Jazz – la New Talents Jazz Orchestra, formata da ragazzi dai 19 ai 26 anni che provengono da tutto il paese, è sicuramente un’orchestra differente, soprattutto per la giovane età dei suoi componenti. L’idea è di Mario Corvini, che con questo progetto continua ad affermarsi come uno degli artisti più competenti in questo specifico settore di attività. I ragazzi questa sera saranno onorati della presenza di Stefano di Battista come special guest.

Giovedì 12.12.13
MARIO RAJA Big Band
Il Cantiere
Via Gustavo Modena 92 Trastevere
h. 22:30 Ingresso € 5,00

Mario Raja Sax Tenore, Clarinetto, Arrangiamenti | Alice Ricciardi Voce | Daniele Tittarelli Sax Alto, Soprano | Carlo Conti Sax Alto, Baritono, Flauto | Claudio Corvini Tromba | Francesco Lento Tromba | Roberto Schiano Trombone | Enrico Bracco Chitarra | Luca Fattorini Contrabbasso | Pietro Lussu Pianoforte | Armando Sciommeri Batteria

La Mario Raja Big Bang esiste ininterrottamente dal 1988. In questi anni ne hanno fatto parte molti tra i più importanti musicisti italiani come Roberto Gatto, Maurizio Giammarco, Paolo Fresu, Danilo Rea, Enrico Rava, Stefano Di Battista, Fabrizio Bosso e Maria Pia De Vito, solo per citare alcuni nomi. La formazione attuale comprende alcuni dei più noti e interessanti jazzisti dell’area romana dell’ultima generazione ed è una specie di laboratorio permanente. L’orchestra ha un suono inedito, caratterizzato dall’uso della voce trattata come uno strumento e dalla scrittura molto particolare di Raja. Il repertorio è quasi tutto di composizioni originali, una parte del quale viene dall’elaborazione di alcune composizioni di Stravinskij in chiave jazzistica. Ci sono anche canzoni originali coi testi di Domenico Starnone e brani sorprendenti di Steve Lacy e Bjork. Ne viene fuori un suono quasi “sinfonico”, lontano dagli stilemi tradizionali della scrittura per big band, ma pieno di swing, gusto per l’avventura e la sperimentazione.

Venerdì 20.12.13
ALDO BASSI Light Big Band
BeBop Jazz Club
Via Giuseppe Giulietti 14
h.22:00 Ingresso tesserati

Aldo Bassi artista eclettico e dalla forte personalità è uno dei più rinomati trombettisti del jazz europeo ed oggi si presenta con il suo nuovo progetto Aldo Bassi Light Big Band, con un repertorio di canzoni americane prevalentemente tratte da musical o da film. Compositore, docente di Conservatorio, Aldo Bassi è un grande sperimentatore sempre spinto verso il nuovo ma con una attenzione costante al passato e proprio così, con questo progetto big band, riscopre la tradizione del jazz ripercorrendo il più noto repertorio dei musical americani o dei leitmotiv di film noti al grande pubblico. Almost Like Being in Love di Frederick Loewe, Summertime di George Gershwin, Route 66 di Bobby Troup, Birdland di Joe Zawuinul e When I fall in Love di Victor Young sono solo alcuni dei brani del repertorio che prende forma con una classica tipologia dell’ orchestra jazz, diretta dallo stesso Bassi che aggiunge alle esecuzioni il suo prezioso contributo solistico. La big band è composta da cinque sassofoni, quattro trombe, quattro tromboni e due cantanti accompagnati alla sezione ritmica da chitarra, pianoforte, basso elettrico e batteria.

mario raja big band

Foto Aldo bassi light big band
Big Band di Massimo Nunzi

Mario Corvini

VOCE AI PROTAGONISTI

TOMMASO VITTORINI: La big band è un luogo magico, in cui il risultato che si cerca è una coesione di musicisti che lasci ben libero l’ascoltatore di riconoscervi, in trasparenza, delle distinte personalità. Una big band priva di personalità di spicco potrà suonare con impeccabile precisione, e annoiare a morte in una manciata di minuti.

ALDO BASSI. Far parte di una BB all’inizio del percorso formativo di un musicista è importantissimo perché offre la possibilità di suonare con altri e uniformarsi al linguaggio universale, che è necessario conoscere se si vuole suonare il Jazz. La BB ti mette davanti a uno spartito e ogni musicista deve saperlo interpretare secondo i canoni specifici del linguaggio jazzistico; inoltre quando si fa parte di una sezione, che sia essa di bras o ance, spesso si suona in modo omoritmico (in armonizzazione) o all’unisono, che è una pratica delle più formative per i fiati perchè ti obbliga a ricercare il massimo dell’intonazione e mette alla prova la capacità di suonare esattamente insieme agli altri. Anche per la sezione ritmica il discorso è simile. Quando si ottiene un buon risultato, per il musicista è una vera gioa e soddisfazione constatare la riuscita dell’impresa .. e di poter apprezzare l’energia della musica soprattutto se suonata all’insegna della parola ‘magica’ swing. Nel caso specifico del mio progetto di direzione ho iniziato rilevando tre anni fa un ensemble già esistente ‘I Musicanti di Brema’, una formazione di 12 veri appassionati che si riunivano una volta ogni 15 giorni per assecondare la loro passione. Negli anni abbiamo montato vari repertori e con l’aiuto di alcuni professionisti, miei ex compagni della PMJO, abbiamo integrato le parti mancanti e oggi ci possiamo considerare a tutti gli effetti una Big Band. Non è la mia prima esperienza di direzione, ma provo ugualmente una forte emozione nel guidare tanti elementi, 23 in totale con gli ospiti in questo progetto. L’emozione viene quando si raggiunge un buon risultato nell’esecuzione, in particolar modo quando l’orchestra suona come una sola voce. Infatti, esiste un preciso momento in cui tutto l’ensemble raggiunge una sorta di stato sofronico per cui ci si estranea dall’ambiente circostante e prende forma l’anima della Big band che domina su tutti. In questo c’è sicuramente qualcosa di magico e inspiegabile allo stesso tempo. Sono sicuro che anche Massimo Pirone e Mario Corvini, che sono cresciuti nelle migliori Big Band romane insieme a me, sanno di cosa parlo e con i loro progetti, come me, dimostrano di avere a cuore i grandi ensemble, che di per se rappresentano un impegno grandissimo, soprattutto se fatto come direzione.. quindi suppongo che anche per loro, sia un grande amore.

di C.Piraino

Annunci

JAM SESSION. Aldo Bassi al Charity Cafè incontra Miles Davis

Standard

Aldo Bassi Miles Davis

ph. di Roberto Panucci

Giov. 10.10.2013
JAM SESSION NIGHT #Jazz
Dedicata a Miles Davis con Aldo Bassi
Charity Cafè Via Panisperna 68 Roma
h 22:00 Ingresso gratuito 1^ cons. obbligatoria
Segnati al Facebook Event

Aldo Bassi Tromba | Alessandro Bravo Pianoforte | Stefano Nunzi Contrabbasso

Domani 10 ottobre avverrà un  incontro ideale con il musicista guida per tutti i trombettisti e i jazzisti in genere. Anche Aldo Bassi non fatica ad ammettere che dopo anni di studi classici fu anche la musica di Miles a fargli cambiare rotta e, ancora fanciullo, a fargli abbracciare jazz.  A dire il vero Aldo racconta che l’impatto non fu proprio ‘felice’ dato che come dice “sono incappato come primo ascolto in uno dei dischi più difficili di Miles”. Ma questo non lo ha demoralizzato, al contrario lo ha spronato ad approfondire sempre più la sua discografia tanto che oggi nei progetti di Aldo Bassi troviamo anche repertori dedicato a Miles Davis. Anche per questo il trombettista romano ha scelto di dedicargli la Jam Session del Charity Cafè.  

La lista dei brani che saranno trattati durante la Jam Session include tutta la carriera di Miles e, anche se ovviamente in una serata non si potrà suonare tutto, il jam leader andrà pescando qua e là nell’intera discografia Davisiana lasciando scegliere anche ai colleghi musicisti presenti.  Continua a leggere

Tuscia in Jazz Summer 2013

Standard
Tuscia in Jazz Summer 2013Tuscia In Jazz Summer 2013Tuscia In Jazz Summer 2013Tuscia In Jazz Summer 2013Tuscia In Jazz Summer 2013Tuscia In Jazz Summer 2013
Tuscia In Jazz Summer 2013Tuscia In Jazz Summer 2013Tuscia In Jazz Summer 2013Tuscia In Jazz Summer 2013Tuscia In Jazz Summer 2013Tuscia In Jazz Summer 2013
Tuscia In Jazz Summer 2013Tuscia In Jazz Summer 2013Tuscia In Jazz Summer 2013Tuscia In Jazz Summer 2013Tuscia In Jazz Summer 2013Tuscia In Jazz Summer 2013
Tuscia In Jazz Summer 2013Tuscia In Jazz Summer 2013

Tuscia in Jazz Summer 2013, un set su Flickr.

Si è concluso da poche ore il Tuscia in Jazz Summer 2013 che oltre a portare sul palco di Bagnoregio grandi momenti di musica (e grandissimi artisti) ha portato alla ribalta alcuni nuovi talenti. Giovanissimi che grazie al Jimmy Woode Award hann provato il sapore di una scena importante del jazz in italia.

Attraverso questo set realizzato negli ultimi giorni della rassegna potrete vedere alcuni momenti dell’evento. Grazie come sempre a Italo Leali dell’ospitalità!

Continua a leggere

ALDO

Immagine

ALDO

Una bellissima foto di Luca Ciccioni, che ringrazio. Rappresenta la forza. Tutta quella che Aldo Bassi mette nella sua tromba. La pubblico perche sia parte del diario di questo mio viaggio nella musica e perchè sia esempio da seguire per la tenacia e la grandissima passione che io vedo mettere ogni giorno in questo nobile strumento, che ora, inevitabilemente, fa parte della mia vita. Aldo, grande interprete. Se non lo avevi ancora capito sono molto orgogliosa e onorata di essere la tua compagna di vita.

di Cristiana Piraino
foto di L.Ciccioni Neurosegno Comunicazione
scatto del concerto del Metal Jazz Trio a Porto Venere Giugno 2013

NUOVO CLUB: al T-Bay BASSI BRAVO DUO 8.6.2013

Standard

al T-Bay BASSI BRAVO DUO 8.6.2013 by cristiana.piraino
al T-Bay BASSI BRAVO DUO 8.6.2013, a photo by cristiana.piraino on Flickr.

Sab 8/6/2013
BASSI BRAVO DUO
@ T-BAY JAZZ BAR
h. 23:00
INGRESSO LIBERO

Evento Facebook

Pianoforte e tromba. Una situazione sonora ampia e completa, quanto legata alle capacità e alla forza espressiva degli interpreti. Tra il trombettista Aldo Bassi e il pianista Alessandro Bravo non c’è solamente un sodalizio artistico di lunga data, ma anche un profondo legame umano e intellettuale che si traduce in un sound pieno di poesia ed eleganza.

Al T-Bay Jazz Bar proporranno un live in cui il jazz correrà tra sottili sfumature melodiche senza mai dimenticare il groove, quello capace di trasportare il pubblico nelle atmosfere dei jazz club d’Oltreoceano più alla moda.

DOVE:
Strada Provinciale della Giannella
58015 – Orbetello – GR – Tuscany
GPS: 42.445638 – 11.174882
Tel.. 0564.1768027
Fax. 0564.1766028
Direct Line for Reservation 335.6596.167

METAL JAZZ TRIO A CAVALLO DEL TEMPO

Standard

Con questo progetto Aldo Bassi cerca il dialogo con chi è andato oltre la cultura di un singolo genere e che negli anni ha saputo raffinare le proprie conoscenze musicali attraverso l’ascolto di tutta la musica di qualità che si trova anche nel rock o nel blues. La musica contenuta in questo cd è stata registrata durante un concerto live il 23 maggio 2013 nel teatro “Il Rivellino” a Tuscania (VT).

SOSTIENI OGGI QUESTO PROGETTO
DONA QUELLO CHE PUOI
DIVENTA PARTE DELLA MUSICA

Ora il progetto è in cerca del vostro supporto! Potete fare una donazione anche piccola attraverso musicraiser a questo >> LINK , e potrete contribure alla produzione del disco avendo in cambio sconti e offerte. Si parte dalla donazione di 5,oo € per la quale avrete l’invio del disco in mp3, fino ad arrivare addirittura ad avere la possibilità di scrivere il vostro nome tra i credits del disco come sostenitore del progetto. inoltre sono moltissime le offerte di sconto su tutta l’offerta formativa e  dei concerti dal vivo dellle rassegne  “Tuscia in Jazz” e “Spezia Jazz” ecco alcuni esempi:

  • Invio gratuito file Mp3 del CD Metal Jazz Trio 5 €
  • Copia omaggio cd con autografo 15 €
  • Sconto 20% ai seminari del Tuscia in Jazz 15 €
  • Sconto 20% ai seminari Spezia Jazz Masterclass 15 €
  • CD + Biglietto omaggio concerto Glenn Miller Orchestra a Tuscia in Jazz 20 €
  • CD + Biglietto omaggio concerto Kurt Rosenwinkel Star of Jupiter a Tuscia in Jazz 20 €
  • CD + Biglietto omaggio concerto Hiromi: Trio Project La Spezia 20 €
  • 2 cd inviati in Omaggio e ringraziamenti sul disco 30 €
  • CD + 1 Giorno di seminario al Tuscia in Jazz Summer 2013 40 €

    … e molto di più!!

di CRISTIANA PIRAINO

JAZZ POINTS 23-26 maggio 2013

Standard

locandina metal jazz trio tuscania

Giov. 23/5/2013 h. 20: 30 | Teatro Il Rivellino di Tuscania | Biglietto € 10.00 + In omaggio il 30% sconto per l’ acquisto del CD

METAL JAZZ TRIO di Aldo Bassi Concerto e Live Recording > compra online il biglietto
Aldo Bassi, tromba effetti
Pierpaolo Ranieri, basso elettrico
Dario Panza, batteria

Il Tuscia in jazz vi invita a prendere parte a un evento unico. La registrazione live di un concerto di una nuovissima formazione guidata da Aldo Bassi. Il gruppo, che vede tra gli interpreti anche Pierpaolo Ranieri e Dario Panza, proprio in quell’occasione registrerà il disco che sarà poi prodotto e distribuito dall’etichetta del Tuscia in jazz. Un progetto innovativo che fonde il jazz al rock dando vita ad una musica piena di energia e coinvolgente. Il disco sarà realizzato con il patrocinio del Comune di Tuscania assessorato alla Cultura e con la collaborazione del Teatro Il Rivellino di Tuscania.

*

neos trio

Ven. 24/5/2013 h.22:00 |Esc Atelier Via dei Volsci 159 – Roma | Ingresso Free Entry Up to you | www.escatelier.net

Neòs Trio presentazione del nuovo disco
Massimiliano Felice, organetto
Vincenzo Core chitarra, elettronica
Caterina Palazzi contrabbasso

Trio Etno-jazz di Massimiliano Felice, Vincenzo Core, Caterina Palazzi che trova la propria musicalità ispirandosi alla tradizione folkloristica  dell’Italia del centro meridionale che scorre nelle vene di due dei componenti di origine abruzzese. La musica della tradizione incontra il jazz e diventa magia. Per Neos Trio questo nuovo disco e probabilmente un nuovo tour che passa da Roma all’Esc Atelier, sito autogestito di incontro ma anche contenitore di idee, che si pone domande (sul sociale) e cerca di dare le risposte. Visitate il loro sito web per conoscere meglio questa realtà.

*

sbam

Ven. 24/5/2013 h.22:00 |  Cinema America Occupato via Natale del Grande 6 Trastevere | proiezione di Full Metal Jacket dalle h. 19:30

Concerto dell’ orchestra di 13 chitarre e due bassi FRETS con BLOW UP ROMA PERCUSSION
Repertorio dedicato alla musica americana contemporanea:

Dark full Ride, blow up percussion ensemble
Music for pieces of wood – blow up percussion ensemble
Electric counterpoint – frets orchestra
Anvil chorus – flavio tanzi
Warmth – luca nostro
Postlude – blow up percussion ensemble
K_446 – frets orchestra + flavio tanzi
Drums of winter – blow up percussion ensemble

*

cassino

Dom. 26/5/2013 h.22:00  | Bar Italia Jazz Club, CASSINO, Corso della Repubblica 106 | Ingresso Gratuito

GIOVANNI AMATO JAZZ QUARTET
Giovanni Amato, tromba
Andrea Rea, pianoforte
Daniele Sorrentino, contrabbasso
Luigi del Prete, Batteria

“Compositore di notevole spessore, ottimo arrangiatore, Giovanni Amato è un musicista dotato di uno swing eccezionale unito ad uno scorrevolissimo fraseggio boppistico.”

*

e non solo jazz…

SONY DSC

Dom. 26/5/2013 h. 20.30 | Maggio Sermonetano 18^ Edizione | Belvedere Concerto Sermoneta (LT) | Ingresso 3,00€ per un  bicchiere di buon vino

PUPI DI SURFARO dalla Sicilia in concerto

I Pupi di Surfaro nascono nel 2006 con l’idea di dare vita ad uno spettacolo di natura popolare nel quale vengono a mescolarsi diversi titpi di arte: musica, teatro e poesia. Lo spettacolo musicale della band è frutto di un accurato studio della cultura popolare del Sud Italia: dalla pizzica salentina alla tammurriata napoletana, dalle tarantelle calabresi ai “cunti” siciliani, rielaborati attraverso il contributo dei singoli musicisti che provengono da formazione ed esperienze diverse. Particolare attenzione è rivolta al lavoro letterario e politico di Ignazio Buttitta e al repertorio di Rosa Balistreri. Tutto lo spettacolo risulta coinvolgente, con molti momenti di riflessione; diverte e anima il pubblico grazie agli arrangiamenti molto ritmati e trascinanti in stile Folk.

INFO
pupidisurfaro.com
maggiosermonetano.it

di CRISTIANA PIRAINO