ROMA, INIZIA IL 2009 A SUON DI TROMBA

Standard

A Roma il 2009 avr√† un inizio in Musica veramente unico. La prima settimana di questo giovane nuovo anno sar√† segnata dalla strumento considerato il pi√Ļ vicino alla voce umana. La Tromba. Presente nelle narrazioni bibliche¬†come pure nelle rappresentazioni pittoriche e iconografiche dei grandi eventi, dal secolo scorso viene considerata uno degli strumenti pi√Ļ affascinanti. Quando risuona obbliga a prestarle attenzione con il suo richiamo a volte urlante e stridente, altre caldo e avvolgente. Michelangelo Buonarroti, nel rappresentare il giudizio universale sulle volte della Cappella Sistina, esprime l’inquietudine profonda che attraversava¬†il XVI secolo,¬†dipingendo¬†angeli che al suono di Tromba¬†richiamano forme umane ormai prive di¬†vitalit√† alla¬†vita stessa – simbolicamente √® il richiamo¬†alla¬†morale e la¬†tromba √® la voce di Dio. <FOTO>

¬ę¬†Il primo musicista jazz fu un trombettista, Buddy Bolden,
l’ultimo sar√† un trombettista, l’arcangelo Gabriele¬†¬Ľ Wynton Marsalis¬†

Presente nella musica in modo trasversale dalla dance alla latin, dalla sinfonica al pop,¬†passando per tutte le bande del mondo, la tromba viene soprattutto identificata con la musica afroamericana che la ha innalzata a strumento divino, grazie a musicisti come Bix, Dizzie, Miles, Chet e tanti altri. Possono essere considerati loro dei semplici musicisti? No. La tromba √® il mezzo che ha permesso di trasferire i ‘sospiri interiori’ al cuore di chi ha ascoltato la voce. Nei primi sette giorni dell’anno Roma accoglie tre grandi trombettisti Italiani. Fabrizio Bosso, Aldo Bassi e Paolo Fresu. Tre differenti maniere di interpretare la musica attraverso la Tromba, sotto la guida di una stessa grande stella. Il Jazz.
____________________________________________________________________________________

3/01/09   Sergio Cammariere e Fabrizio Bosso
                    
¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Jazz ‘n’ soul duet

                      Sala Santa Cecilia Auditorium h. 21.00
                     

6/01/09   Aldo Bassi Sextet
                    
                     Kind of Blue Tribute

                     Alexander Platz, Via Ostia 9  h. 22.00
                     INFO   MYSPACE

7/01/09  Paolo Fresu
                    
                     Solo
                     Sala Petrassi Auditorium h. 21.00
                    

 

FABRIZIO BOSSO, nella foto di sinistra, sar√† all’Auditorium il 3 gennaio ad accompagnare il pianista compositore Sergio Cammariere. Un’accoppiata vincente che vede due artisti compensarsi a vicenda. Infatti,¬†le sonorit√† di Cammariere¬†che si riferiscono¬†alla grande musica¬†d’autore italiana contaminata dai colori vivi del jazz in chiave¬†bossa nova,¬†¬†incontrano il jazz¬†puro di Bosso, un trombettista che si distingue per gradi virtuosismi tecnici. I brani del ‘Cantautore piccolino’ saranno interpretati in modo pi√Ļ intimo¬†per un concerto unico, per pianoforte e tromba, con ampio spazio all’improvvisazione.

Il 6 gennaio al Jazz Club Alexander Platz ALDO BASSI, foto a destra¬†di Andrea Conti, rende omaggio ai 50 anni di Kind of Blue, proponendo tutte le take dell’album e altri brani celebri¬†di Miles Davis.¬†Bassi √® un interprete sensibile e raffinato, un¬†compositore¬†in continuo movimento¬†alla ricerca¬†di nuove sonorit√†. Per questa occasione sar√†¬†accompagnato¬†da cinque musicisti,¬†rispettando cos√¨ la¬†stessa formazione, un sestetto,¬†¬†che allora incise l’album.¬†¬†A cinquant’anni della sua pubblicazione avvenuta nel 1959 “Kind of Blue” di Miles Davis √® il disco di jazz pi√Ļ venduto di tutti i tempi. Con la sua magia ha accompagnato momenti di vita di molte¬†persone e i cinque brani originariamente contenuti – so what, freddie freeloader, blue in green, all blues,¬†flamenco sketches – sono tasselli preziosi di un’opera d’arte e, singolarmente, ciascuno rappresenta un’opera d’arte¬†in se.¬†

Aldo Bassi (tromba)                        
Paolo Recchia (sax contralto)        
Gianni Savelli (sax tenore)                
Alessandro Bravo (pianoforte)                                                                          
Stefano Nunzi (contrabbasso)         
Alessandro Marzi (batteria )           

LA FORMAZIONE DEL 1959 di Kind Of Blue: Miles Davis¬†(tromba)¬†Julian “Cannonball” Adderley¬†(sax contralto, ad eccezione del brano Blue in Green) John Coltrane (sax tenore)¬†¬†Bill Evans¬†(pianoforte eccetto nel brano Freddie Freeloader) Wynton Kelly (pianoforte,¬†nel brano¬†Freddie Freeloader)¬†¬†Paul Chambers (contrabbasso)¬†Jimmy Cobb (batteria)

Il 7 gennaio, l’eccentrico trombettista sardo, PAOLO FRESU, avr√† tutto per se il palco della¬†Sala Petrassi all’Auditorium per un concerto “Solo”. Impresa ardita! Sessanta minuti di rara bellezza che incorporano la saggezza del suono e il calore dei colori e viceversa. (fonte:auditorium). Che cosa posso dire di¬†Fresu che gi√† non sia stato detto? Che trasmette emozioni,¬†¬†che √® coraggioso a prestare se stesso e la sua tromba alle imprese artistiche pi√Ļ disparate. Che lo ringraziamo per portare il nome del nostro paese cos√¨ lontano e cos√¨ in alto. Allo stesso modo¬†ringraziamo gli altri due trombettisti qui citati, perch√® dall’alto delle loro ‘nicchie’ musicali, questi tre artisti, ci dimostrano che oggi √® ancora possibile fare, quindi per noi ricevere,¬†buona musica di qualit√†. Va solo ricercata lontano dai clamori, come ormai abbiamo detto pi√Ļ volte dalle pagine di Romalive.¬†Da non perdere!! quindi¬†i tre¬†appuntamenti di questo inaspettato e casuale¬†viaggio nei diversi colori della tromba a Roma. Se questo √® solo l’inizio… allora abbiamo i presupposti perch√® il 2009 della capitale possa essere¬†veramente un Buon Anno!

Annunci