LENS FORWARD Serata spettacolo con l’archivio Geppetti

Standard

Giov. 16.5.2013
LENS FORWARD Marcello Geppetti
Mostra interattiva dedicata alla divulgazione dell’archivio fotografico di Marcello Geppetti
The Hub Roma
Viale Scalo San Lorenzo 67, 00159 Roma
Ingresso h. 19,30 buffet
inizio spettacolo h. 20,30 circa
Ingresso 10 ‚ā¨ con consumazione

Lens Forward e LFM sono i nomi delle attivit√† e delle relative app, sacricabili dagli store in rete, che raccontano l’archivio di Marcello Geppetti. Fotografo di grandissimo spessore, forse fino ad oggi poco conosciuto, nato nel 1933 e morto nel 1998 che ha documentato la societ√† e la cultura della sua epoca in modo artistico attraverso immagini parlanti e vive. Il suo archivio √® enorme – pi√Ļ di un milione di scatti – che oggi sono custoditi e catalogati da¬†La Marcello Geppetti Media Company nata proprio con l’obiettivo di valorizzare l‚Äôopera dell’artista fotografo Marcello Geppetti.

Pu√≤ un archivio svelarci il futuro? Gioved√¨ 16 Maggio 2013 dalle 19:30, la Made in Tomorrow e la Marcello Geppetti Media Company organizzano presso The Hub in viale dello scalo San Lorenzo 67, una mostra interattiva dedicata alla conoscenza e alla divulgazione dell archivio fotografico di Marcello Geppetti (Rieti, 1933 – Roma 1998), attraverso una selezione dei suoi scatti realizzati fra gli anni 50 e 70¬† e un viaggio storico raccontato dalle parole, le musiche e filmati ricreati dell’epoca. Paparazzo, reporter d’assalto, indicato come uno tra i principali fotografi italiani del 900 e definito dal New York Times e dal Newsweek paragonabile a Cartier Bresson e Weegee, Marcello ancora oggi non riesce ad essere “profeta in patria”. L’immenso archivio che ha lasciato (composto da pi√Ļ di un milione di foto che tutt’oggi vengono quotidianamente scansionate e catalogate), riflettono quasi mezzo secolo di storia italiana: dal nudo di Brigitte Bardot al bacio galeotto tra Liz Taylor e Richard Burton (Marcello fu uno degli ispiratori di Fellini per il film “La Dolce Vita”), alla contestazione studentesca, gli anni di piombo, il declino di quella Roma scintillante, la miseria, la politica.

La Made in Tomorrow e la MG Media Company hanno deciso di organizzare questo evento con lo scopo di tutelare questo patrimonio artistico e storico mostrandone la bellezza e la straodinaria attualit√†, tutti gli incassi saranno difatti devoluti alla fondazione Marcello Geppetti. FLIES AND BUTTERFLIES… There was a time when capturing the moment in a photo was like catching a fly with your hand. Seeing at a glance and being instinctively quick was essential. Only a few, when unclenching their fitst, would find a butterfly. Among these was Marcello Geppetti. Un archivio fotografico pu√≤ spiegarci il presente? Di pi√Ļ! Pu√≤ immaginare il futuro… L’incasso sar√† interamente utilizzato per le attivit√† di conservazione dell’archivio.

Organizzazione Made in Tomorrow e Marcello Geppetti Media Company [fonte : madeintomorrow.com] info@marcellogeppetti.com

di CRISTIANA PIRAINO

Annunci

MUSICA!

Standard
MUSICA! by cristiana.piraino
MUSICA!, a photo by cristiana.piraino on Flickr.

Tramite Flickr:  [Foto di Roberto Panucci ]

Quando le immagini parlano. Intitolerei questa foto Musica.. Il rapporto con il pubblico √® un aspetto fondamentale per un artista e per il pubblico stesso. Anche questa √® musica e la troviamo nell’obbiettivo del magnifico fotografo musicale Roberto Panucci. Nella foto un momento degli ABOUT WAYNE – Roma Circolo degli Artisti 5.5.2012 Tutta la gallery www.robertopanucci.it/?p=36640

_________________

MORE INFO su Roberto.

> il suo sito web

> R.Panucci Fotografo del Jazz

> POST R. Panucci BIO

> un set al Room 26

> Gallery su Flickr

La Foto del giorno

Standard

La Foto del giorno di Roberto Panucci al concerto degli Aucan al Circolo degli Artisti di Roma il 10.5.2010

__________
MORE INFO
http://www.myspace.com/aucan

BLACK RAINBOW TOUR 2011
Apr 27 Lausanne CH Romandie
Apr 28 Legnano Land of Live
Apr 29 Lyon FR AfricAntApe FESTIVAL 2011
Apr 30 Arona (NO) IT Meltin’pop
May 06 Mantova Arci Tom
May 07 Brescia IT Vinile 45
May 10 Roma IT Circolo degli artisti
May 14 Firenze IT Ex 3
May 21 Milano IT TBA
Jun 10 Paris FR Machine du Moulin Rouge
Jun 17 Mandello Dell’ Ario IT Sonica Festival
Jun 25 Seravezza IT Galaxia Medicea
Jun 29 Bottanuco IT Rock Island con ZU e altri
Jul 15 Bucine IT Ne Pas Couvrir Festival
Jul 22 Brescia IT Musical Zoo Festival
Jul 23 Codroipo IT La Notte Della Tempesta
Sep 09 Aquaviva IT Live rock festival

JAZZ SENSITIVE – mostra fotografica

Standard

28/01/2010-28/02/2010
JAZZ SENSITIVE

mostra fotografica di Roberto Panucci  >> Biografia
28 DiVino Jazz – associazione culturale
Via Mirandola, 21    >>> Evento su Facebook
h. 19:00 Ingresso Gratuito
h. 22:00 musica Jazz live, con ospiti a sorpresa!

Le foto potranno essere acquistate dopo la mostra.

Il fotografo Roberto Panucci presenter√† parte del suo lavoro al 28DiVino Jazz, dal 28 Gennaio al 28 Febbraio in una mostra personale¬†dedicata ai suoi scatti pi√Ļ significativi. Il fotografo romano √®¬†diventato una presenza insostitubile sotto i palchi piccoli e grandi, del jazz soprattutto, ma anche di altri generi musicali. Attraverso le sue foto √® capace di fermare l’attimo e, come pi√Ļ volte √® stato detto di lui, di ‘farti sentire la musica’.

Un ringraziamento particolare va a Natasha e Marc del 28DiVino per organizzare iniziative sempre speciali e interessanti e per la loro capacità di rappresentare oggi a Roma il vero luogo di incontro del Jazz e dei suoi protagonisti. Un posto dove passare sempre e comunque con la certezza che un amico ce lo troverai.  

…qualche domanda a Roberto Panucci…

ROMALIVE: Roberto, √® passato un anno o poco pi√Ļ dall’inizio di questa ‘avventura’ senza fine sotto i palchi del jazz e oggi il tuo nome, ma soprattutto le tue foto, spiccano nei book di ogni jazzista che si rispetti. Ora anche una mostra importante intorno alla quale si sta creando un grande movimento di persone, soprattutto i musicisti che verranno a dimostrarti la loro stima con la loro presenza.

Fotografo s√¨, ma anche un po’ psicologo, perch√® capace di cogliere lo stato d’animo.¬†Quale pensi che sia il ruolo¬†di un¬†fotografo di musica live?

R.P.: Molte volte mi sento di essere pi√Ļ amico e confidente che “ladro” di immagini. Ci sono momenti dove capisco che mi devo fermare e non scattare, dove il musicista, l’artista merita rispetto e umanit√†…e loro se ne accorgono e apprezzano molto questo mio atteggiamento.

ROMALIVE: Da questa mostra in poi cosa pensi che succederà?

R.P.: Sono molto felice e stupito di tutto ci√≤ che mi st√† accadendo in questo fantastico, momento. Sar√≤ il fotografo ufficiale della Tosky records. Poi ho¬†nel cassetto un libro sul jazz, un bel libro di qualit√†, ma non posso dire di pi√Ļ. Molti jazz festival chiedono la mia collaborazione. In tutto ci√≤, io pero’ cerco di rimanere con i piedi per terra..

ROMALIVE:¬†… la tua umilt√† √® un esempio!¬†Puoi dare un consiglio a chi comincia a scattare da sotto-palco?

R.P.: Sicuramente il mio consiglio √® di non buttarsi gi√Ļ alle prime delusioni sia tecniche, perch√® fotografare i live non √® molto semplice, ¬†sia umane, tantissime perch√® in certi casi ci si trova davanti a un muro.¬†Bisogna essere tenaci e prima o poi i sogni si avverano.

.

ROBERTO PANUCCI Fotografo Jazz di Roma

Standard

Sab. 5/12/2009 MOSTRA FOTOGRAFICA
ROBERTO PANUCCI  Fotografo Jazz
Kinà Art Cafè
C.so Trieste 49/a  (MARINO) >> more Locali di Roma
Tel 0693667719 – 0693661096
h.19:00

Ho conosciuto Roberto all’inizio della primavera scorsa, durante un concerto al 28diVino, vicino piazza Ragusa. Quella sera suonava Luca Nostro, pregiato chitarrista romano con il suo¬†>> Organ Trio. Roberto era l√¨ per fotografare il palco e con lui, come √® mia consuetudine fare alla fine di ogni concerto con chi fa le foto,¬†scambiai i biglietti da visita. L’indomani ricevo da Roberto in mail alcune di quelle¬†foto e per me √® stato un vero ‘colpo di fulmine’ artistico e una rivelazione di talento.

Tecnicamente, eccellente. Mi √® difficile pero’ dare una definizione al suo modo di fotografare, sembra quasi che il suo occhio riesca a centrare sempre il momento in cui, quella piccolissima piega del viso o¬†goccia di sudore impervista, particolari apparentemente insignificanti, riescono invece a trasmettere l’intero stato d’animo dell’artista e per assurdo a far ‘sentire’¬†la musica, fissata dall’obiettivo di Robero Panucci.

Roberto spesso ringrazia tutti, compresa la redazione di Romalive, per avergli dato spazio e fiducia, basti fare un giro sul suo sito ufficiale per leggere le decine di pensieri a lui rivolti dai musicisti, dalla stampa, dai noi blogger. Ma la verit√† √® che questo Artista associa al grande talento che la vita gli da’ una professionalit√† e seriet√† nel lavoro che pochi hanno. La sua¬† √® la passione ed √® contagiosa.

<<Mesi fa, quando tutto è iniziato non riuscivo a credere a quello che stava accadendo. Artisti che per me rappresentavano dei miti, degli idoli del jazz contemporaneo distavano meno di un metro da me ed io stavo lì a fotografarli, scoprendone i pregi, i difetti, catturando le loro emozioni e la loro musica in fotografie, le mie fotografie: un’emozione indescrivibile!!!

Poterli vivere e scoprire, essere partecipi di un evento e viverlo da dentro mi faceva emozionare come non mai!! 

Non potr√≤ mai dimenticare l‚Äôesperienza vissuta durante il sound check di Maria Pia de Vito, io accanto a lei appoggiato al piano e lei a suonare – per me – le mie sue canzoni preferite, oppure gli abbracci di Fabrizio Bosso dopo qualche tempo che non ci eravamo pi√Ļ visti.

L’educazione e la timidezza di Javier Girotto, il suo suono incredibile, il suo respiro, che ad un metro da lui sentivo entrare dentro me come una sofferenza, come un dolore, durante l’esecuzione di un brano dedicato ai desaparecidos!! L’umanità di Marco Siniscalco alle tre di notte davanti ad una birra, sotto le stelle di Villa Celimontana o l’umiltà di Franco Cerri che ad 84 anni ancora si emoziona come al primo concerto !!!

E ogni sera è una sfida! Una gara tra me e loro! Cercare di avvicinarsi entrando in sintonia oppure allontanarsi nel rispetto della loro timidezza o riservatezza! E quando riesci a trasmettere l’emozione, la loro emozione e la mia di spettatore privilegiato, tutto sembra, come il tempo in un attimo congelato dal clic! O come la goccia di sudore che scivola sulle ciglia di qualcuno che guardandomi negli occhi mi regala un sogno. Il suo sogno e la sua musica!

Spero davvero che le mie foto trasmettano tutti i miei mille sogni e le mille emozioni che ogni sera accanto a loro provo ascoltando la musica dei miei artisti preferiti! E se certe volte, guardando le mie foto lo spettatore si fermerà un attimo rapito da quel suono e da quel sospiro allora vorrà dire che le mie lacrime di gioia che talvolta scorrono sono arrivate fino a lui!! In quel sottile filo che unisce l’artista, il fotografo e lo spettatore, come quel qualcosa di magico che ci fa sentire parte unica di un sogno.>>

________________________________

MORE

>>> BIOGRAFIA su Romalive.biz

>>> WEB UFFICIALE

>>> FACEBOOK  Evento Mostra Fotografica

>>> FOTO DI ROBERTO su Flickr.com

BIOGRAFIA: Roberto Panucci

Standard


joy garrison 

Nato a Roma il 10 Ottobre 1965. A 13 anni apprende grazie al suo insegnante di Tecnica a stampare in bianco e nero in camera oscura. Innamoratosi della fotografia decide di approfondire la tecnica presso l’IPSIA Panfilo Castaldi di Roma, specializzandosi in Fotoriproduzione e ottendendo poi un diploma in Arti Grafiche.

Inizia da subito a lavorare nel campo pubblicitario ma continua  a coltivare la passione per la fotografia che cresce di pari passo con la passione per la musica Live, scoperta sin da giovanissimo e che comincia a coltivare frequentando pub e sale concerti dove ascolta e rock, la fusion, ed in particolar modo il JAZZ.

(nella foto: enrico rava)

Nel marzo 2009 al concerto dei Segnali Project, dove Roberto stava fotografando, avviene un incontro con Michele e Cinzia Villari che segnerà un grande cambiamento nella sua vita.

Rimasti entrambi affascinati e colpiti dalle foto lo invitano a fotografare alla manifestazione Percorsi in Jazz all’Auditorium di Santa Cecilia, dove Michele Villari si esibisce insieme ad altri grandi del Jazz come Javier Girotto, Roberto Gatto, Stefano Pagni, Andrea Polinelli, direttore d’orchestra e docente presso la Fonderia Delle Art,  ed altri ancora.

Da allora alle¬†successive esperienze con Cinzia e Michele Villari e altre compagnie teatrali,¬† Roberto inizia a scattare nelle grandi manifestazioni¬†musicali come Villa Celimontana Jazz Festival, Summertime alla Casa del Jazz e inizia, come lui stesso ama dire “un percorso vorticoso che lo ha catapultato in¬†una fantastica avventura”.¬†Molti grandi artisti del jazz lo apprezzano per¬†le sue foto¬†ma¬†anche per le qualit√† umane, per quel¬†suo modo di essere ‘accogliente’¬† e quella sua abilit√† nel¬†raccontare la musica attraverso delle immagini¬†tanto vive e significative. Questo¬†gli consente spesso di avere libero accesso con la macchina fotografica anche nei back stage per i cogliere¬†momenti¬†non musicali.

Vi consiglio di visitare il suo sito per scoprire tutte le cose bellissime che i dicono di lui. 

 >> WEB

>> MOSTRE IN CORSO (28.01-28.02.2010)

_______________________________________________________

solo alcune delle Collaborazioni di Roberto Panucci:

Villa Celimontana Jazz (fotografo ufficiale), Alexanderplatz¬†(fotografo ufficiale) Ciampino Jazz¬†(fotografo ufficiale) Ponte Milvio ‘Musica senza Confini’ (fotografo ufficiale) 28diVino jazz (fotografo ufficiale) Conservatorio di Santa Cecilia ‘Percorsi in Jazz’ ‘Festa Europea della Musica al Campidoglio, Estate al parco Meda Tiburtino, Teatro Arciliuto Jazz, Teatro del Sogno Jazz, Nutrimenti Jazz, Terni Summertime, s. Louis¬†College of Music, Casa del Jazz, The Romans a Castel S. Angelo, Charity JAzz& Blues, Circolo degli Artisti, Geronimo’s, Room26, Stazione Birra, The Place, etc…

LIVE EXPERIENCE: FOTO&MUSICA AL LIAN

Standard

Giov. 8|10|2009
FROM HEART TO LENS – LA MOSTRA

Simone Cecchetti, concerti in mostra
&
FRANCESCO FORNI in concerto
Lian Club
Via degli Enotri
h. 21:00   Ingresso gratuito

Simone Cecchetti, fotografo romano classe 1973.¬†La sua passione per la fotografia va di pari passo con l’amore per la musica.¬†Suona in una band e scrive canzoni dal 1990. Oltre ad essere il direttore del fanclub internazionale dedicato al grande Paul McCartney si occupa da anni¬†di comunicazione musicale.¬†

Entrato nel circuito¬†dei grandi live musicali come grafico e web designer, comincia sin da subito a raccogliere materiale fotografico¬†dai palchi, nei back stage e¬†nei momenti pi√Ļ inaspettati… Oggi √®¬†tra i¬†fotografi LIVE pi√Ļ attivi nella capitale, con un portfolio di oltre¬†1000 artisti fotografati. Gli scatti di Cecchetti trasmettono passionalit√†, quella del soggetto fotografato e del fotografo¬†stesso.¬†Il titolo della mostra, FROM HEART TO LENS,¬†racchiude perfettamente il senso dell’opera.

 

Nella serata al Lian anche il concerto di Francesco Forni, di casa nel locale romano, uno dei artisti pi√Ļ¬†validi oggi¬†nel circuito della musica cantautoriale. Presenta il suo repertorio, inclusi i brani¬†del suo primo¬†album TEMPI MERAVIGLIOSI che vi invito a comprare senza indugi.

(dalla recensione di di P.G.Tegagni¬†<<¬†Tempi Meravigliosi e’ il primo disco da solista di Francesco Forni, musicista, chitarrista e cantante, con esperienza pluriennale in cover band e membro del gruppo Collettivo Angelo Mai. Folgorato da Jimi Hendrix propone nove tracce visionarie dal mood blues elegante e raffinato>>).

__________________________________

>> MORE about FRANCESCO FORNI

>> ALBUM ”TEMPI MERAVIGLIOSI”

>> LOCALI di MUSICA LIVE a ROMA