NICOLA ANGELUCCI in TRIO

Standard

Merc. 5.12.2012
NICOLA ANGELUCCI project
Alexanderplatz jazz club
Via Ostia 9, zona Prati
Ingresso tesserati h. 21.45

Enrico Zanisi, piano
Luca Fattorini, dbass
Nicola Angelucci, drums

Mercoledì sera non mancate a questo appuntamento. Nicola è sotto osservazione (la mia) da anni. Lo seguo con molta attenzione prendendo nota delle sue evoluzioni. Lo considero uno degli artisti più promettenti del nostro jazz. Che parolona promettenti.. usatissima forse .. ma in questo caso per me significa che la sua è stata e continuerà a essere una strada lastricata di ottima musica e che finora Nicola ha dimostrato non solo di conoscere benissimo il suo strumento – ricordo gli oltre 40 album come sideman – ma, preso il coraggio ‘a due bacchette’, ha iniziato a comporre e a portare in scena il suo pensiero tradotto in musica che trovate nei suoi primi due lavori in quartetto The first one (2010 vvj) e Beyond the drums che uscirà a gennaio 2013. Anche questo ultimo album è stato registrato in quartetto (insieme a Angelucci troviamo nuovamente Paolo Recchia sax, Roberto Tarenzi piano, Francesco Puglisi contrabbasso) con uno special guest veramente speciale, il chitarrista newyorkese Peter Bernstein. Dal promo dell’album, che si può ascoltare in anteprima sul sito di >> Nicola, posso dire che il lavoro risulta rispettoso della tradizione ma capace di creare un ponte con quello che si prevede essere il domani del jazz, che in realtà è già musica di oggi grazie a simili progetti. Melodie e arrangiamenti sapientemente ‘mescolati’ in un percorso che dimostra che il jazz oggi, come sempre, diventa specchio della contemporaneità. Un lavoro che guarda in avanti e porta a noi grazie a Bernstein le tendenze di quella New York che pur sempre rimane la città leader del jazz mondiale e che Angelucci conosce bene.

Il trio è una proiezione (e riduzione) del quartetto ma rappresenta anche una nuova esperienza di ensemble in scena all’Alexanderplatz mercoledì sera. Affiancato da due giovanissimi Enrico Zanisi al pianoforte e Luca Fattorini al contrabbasso, il repertorio sarà fatto dai brani originali, standards e ovviamente momenti di pura improvvisazione per osservare la ‘regola d’oro’ di Nicola Angelucci ovvero Modernità nel pieno rispetto della tradizione.

di CRISTIANA PIRAINO

Annunci

IL VENERDI’ SUONA FORTE E CHIARO

Standard
FRIDAY SOUNDS GOOD - shot del sito web by cristiana.piraino
FRIDAY SOUNDS GOOD – shot del sito web, a photo by cristiana.piraino on Flickr.
Tramite Flickr:

9.11.2012 – 22.02.2013
FRIDAY SOUNDS GOOD
Teatro della Dodicesima
Via Carlo Avolio, 60 – 00128 Roma
Tel 06/5073074
Mobile 348/2530462
Inizio concerti h. 21:00
Ingresso unico: € 10,00

E mentre il nostro Ministero dei Beni Culturali rifiuta incredibilmente di rinnovare i finanziamenti alla prossima edizione dell’Umbria Jazz Festival perchè ‘Il jazz non è espressione diretta della cultura italiana’, il Teatro della Dodicesima del periferico quartiere di Spinaceto ospita la rassegna FRIDAY SOUNDS GOOD, e nell’attuale contesto questa bellissima iniziativa assume quasi i toni dello sberleffo alle Istituzioni che dovrebbero essere garanti della Cultura: vuoi perchè il Teatro in questione non riceve alcun tipo di finanziamento pubblico, vuoi perchè Friday Sounds Good nasce con l’intento di promuovere la scena musicale ITALIANA e nuovi progetti di artisti italiani, scardinando una sorta di ormai consueta dipendenza dalla scena musicale estera.

Da Novembre al prossimoFebbraio – la rassegna si è inaugurata venerdì scorso con il trio eccezionale del chitarrista Stefano Scarfone – il palco del Friday Sounds Good vedrà altenarsi altre 6 band con proposte musicali decisamente eterogenee, accomunate solo dall’originalità e autenticità dei loro progetti, dalla grande carica emozionale e dal fatto, molto importante, di essere state scelte perchè rappresentative di questo periodo.
Tutti i concerti sono di venerdì alle ore 21:00 e vale la pensa sottolineare che per i primi 10 biglietti venduti ad ogni concerto le persone riceveranno una copia gratuita della rivista Jazzit, main partner dell’ evento.

PROGRAMMA

Venerdì 9 novembre 2012
STEFANO SCARFONE TRIO “PRECIPITEVOLISSIMEVOLMENTE”
Stefano Scarfone, chitarre
Carmine Iuvone, violoncello, basso elettrico
Federico Leo, batteria

Vanerdì 30 novembre 2012
GABRIELE BUONASORTE QUARTET “FUNKAMENTE”
Gabriele Buonasorte, sassofoni
Angelo Olivieri, tromba
Mauro Gavini, basso elettrico
Mattia Di Cretico, batteria

Vanerdì 7 dicembre 2012
AIRFINGER “WHAT DO YOU THINK?”
Luigi Di Chiappari, piano, keyboard, elettronica
Alessandro Del Signore, basso elettrico, contrabbasso
Davide Di Pasquale, trombone, elettronica
Mattia DiCretico, batteria, elettronica

Venerdì 21 dicembre 2012
VANDA RAPISARDI QUINTET “ASSABBINIRÌCA”
Vanda Rapisardi, voce
Domenico Sanna, piano
Simone Alessandrini, sassofono
Jacopo Ferrazza, contrabbasso
Fabio Sasso, batteria

Venerdì 11 gennaio 2013
ACROSS “WHAT DOES MY HEART”
Fabio Nunziata, chitarra e synth guitar
Danilo Ciminiello, piano e keyboard
Giulio Ciani, contrabbasso
Mattia Di Cretico, batteria

Venerdì 25 gennaio 2013
GIORGIO FERRERA TRIO “NOTHING IS LIKE BEFORE”
Giorgio Ferrera, piano, elettronica
Alessandro Del Signore, contrabbasso
Pierluigi Tomassetti, batteria

Venerdì 22 febbraio 2013
ELECTRIC POSH “ELECTRIC POSH”
Aldo Bassi, tromba, elettronica
Luca Nostro, chitarra, elettronica

di DENISE CASH

COMING SOON IN ROME!! GIOVANNI MIRABASSI TRIO

Standard

Tramite Flickr:
NAPOLI. Dom. 27.5.2012 Auditorium Castel S.Elmo, Via Tito Angelini. h. 21:00
VEROLI. Mart. 29.5.2012 Teatro Comunale Ex Convitto, Via Lucio Alfio. h. 21:30.
ROMA  Merc. 30.5. 2012 Bebop Jazz Club , Via G. Giulietti 14. h. 21:00

…. stay tuned..

13.12.10 Paolo Recchia Trio

Standard

Lun. 13.12.2010
PAOLO RECCHIA TRIO
Alexanderplatz Jazz Club
Via Ostia, 9
h.21:30 Ingresso con tessera associativa

Questa sera all’Alexanderplatz si esibisce Paolo Recchia con il suo trio. Di questo artista possiamo ammirare l’eleganza nell’interpretazione, la bravura come musicista, l’intelligenza compositiva. Da non perdere quindi.

Anche questa sera sarà accompagnato da due musicisti, Nicola Angelucci e Nicola Muresu, di cui sentiremo parlare sempre più .

Paolo Recchia, sax contralto
Nicola Muresu, contrabbasso
Nicola Angelucci, batteria

MORE:
“Conosco e seguo Paolo da qualche anno. Il suo progresso, sia con lo strumento che nelle composizioni è notevole, capace di esprimere uno straordinario senso di eleganza e leggerezza. Il suo mood è sempre generoso sia nel suono che nelle frasi, e sa dar vita ad uno stile dolce e al contempo aggressivo. E’ sicuramente un musicista di valore che contribuirà all’arricchimento del panorama jazz italiano”. (Stefano di Battista)

ALEX SIPIAGIN a Roma con PAOLO RECCHIA

Standard

Ven. 14 e Sab. 15 Maggio 2010
PAOLO RECCHIA TRIO con ALEX SIPIAGIN
Alexanderplatz Jazz Club >> music clubs di Roma
Via Ostia, 9  (Zona Prati)
Ingresso con tessera mensile/annuale

Paolo Recchia, sax
Nicola Angelucci, batteria
Nicola Muresu, basso

Alex Sipiagin, Tromba special guest

All’Alexanderplatz di Roma avremo due serate di notevole Jazz con la presenza dello straordinario trombettista russo Alex Sipiagin, nato a trecento chilometri da Mosca, nella bella Ярославль (Jaroslavl) ricca di memorie di antico splendore e parte del Anello, d’oro il Zolotoe Kaltso che rappresenta l’insieme delle città storiche Russe riconosciuto dall’Unesco come patrimonio dell’umanità.   

Qui Alexander Anatolievich Sipiagin inizia a studiare la musica classica sin da bambino grazie anche alle influenze familiari. E’ infatti pronipote di un  importante cantante di opera, il tenore Leonid Sobinov (1872-1934) e  sebbene cresca lontano dal Jazz la cui cultura fino agli inizi degli anni ’90 stenta ad arrivare dagli Stati Uniti, nei primi anni ’80 appena quindicenne viene ispirato profondamente da alcune registrazioni di bebop che riesce ad ottenere. Da quel momento intraprende le vie del Jazz, inizialmente con lo studio a Mosca e, poi arrivato negli Stati Uniti con la Russian Student Jazz Band al principio degli anni ’90, viene ascoltato e subito notato dai grandi osservatori. Si trasferità a New York a partire dall’anno seguente e inizia a collaborare con i più importanti nomi del jazz.  Oggi Sasha Sipiagin si impone tra i grandi nomi del panorama jazz internazionale per l’indiscussa tecnica, l’originalità, la capacità di rivisitazione del jazz in chiave moderna, per i virtuosismi sempre opportuni che lasciano spazio all’approccio intimista ed all’ampio apporto della tradizione: passato e futuro in perfetta simbiosi.

Lo scorso inverno avviene l’incotro tra  Paolo Recchia sassofonista  e Alex Sipiagin, proprio all’Alexanderplatz, e da qui l’idea di collaborare sul comune terreno degli standard della grande tradizione jazzistica, fonte per entrambi di formazione e ispirazione,  arricchito dall’inserimento di brani originali.

UNA DOMANDA A ..Paolo Recchia

ROMALIVE: Il 14 e 15 maggio ti troverai a suonare con Alex Sipiagin, considerato a livello internazionale come uno dei grandi trombettisti contemporanei. Come è avvenuto il vostro incontro e la successiva decisione di collaborare sul tuo progetto del trio? e come stai vivendo questo momento della tua vita musicale, così ricco di importanti collaborazioni iniziate oramai da tempo con artisti del jazz quali Dado Moroni o Jeremy Pelt, Steve Grossman o Roberto Gatto, Benny Golson e tanti altri? Sipiagin è forse la ‘cigliegina’ su una torta già ricca e molto probabilmente l’inizio di un percorso veramente intenso e interessante.

PAOLO RECCHIA: L’incontro con Alex Sipiagin è avvenuto nel febbraio di quest’anno. Suonavo all’Alexanderplatz con il mio Trio e tra il pubblico c’era Alex con il resto della sua band. Un paio di sere dopo il palco era il suo (in quartetto con Clarence Penn alla batteria, Adam Rodgers alla chiatarra e Boris Klozov al contrabasso) ed io ero tra il pubblico. Pensando alla registrazione del disco prevista per il mese di maggio e dopo averlo ascoltato suonare in modo assolutamente unico mi sono, quasi immediatamente, innamorato dell’idea di proporgli una partecipazione proprio nel mio disco.

Il sound di Alex, la grande conoscenza del jazz, la modernità e la sua originalità si sposano perfettamente con il progetto del Trio ed è stato chiaro fin da subito. Il fatto che anche Alex fosse rimasto favorevolmente colpito dal Trio ha reso tutto più facile e bello. Quindi dopo i concerti all’Alexander registreremo insieme il mio secondo disco da band leader. E’ un progetto a cui tengo molto in parte perchè, con Angelucci e Muresu, abbiamo di fatto suonato molto insieme e siamo legati da un rapporto di sincera amicizia oltre che dal feeling musicale, un pò perchè sono passati ormai due anni dalla pubblicazione del mio primo album Introducing, in cui lo special guest è stato il grande Dado Moroni: avevo voglia di un altro disco mio perchè amo molto questa musica e la amano i membri della band. Speriamo che tutto riesca alla grande! 

Le collaborazioni, anche quelle che hai citato tu, offrono sempre spunti preziosi e sono occasioni irrinunciabili di crescita e di rinnovata curiosità. Come vivo queste collaborazioni? Con gli occhi del bambino curioso!

www.myspace.com/paolorecchia

www.myspace.com/alexsipiagin

TI SEGUO

Standard


Inserito originariamente da cristiana.piraino
foto di Roberto Panucci da Ronciglione Jazz Spring Festival

ALDO BASSI TRIO
nella foto Stefano Nunzi al contrabbasso segue il suo band leader

Ronciglione
3/4/2010 h. 19:00
Sala Del Collegio

Aldo Bassi Tromba
Stefano Nunzi Contrabbasso
Andrea Nunzi Batteria

>> canale Flickr di Ronciglione Jazz

>> POST di Approfondimento

Aldo Bassi nella Taverna della Canonica 2/04

MILES DAVIS EXPERIENCE: Bassi e Biseo

Standard


foto di R. Panucci

Sab. 13/03/2010
MILES DAVIS EXPERIENCE
Aldo Bassi Trio feat Riccardo Biseo
CONVOGLIA, Viaggio di Sapori  >> music club di Roma
via Giolitti, 36
dalle h. 20.30 Ingresso gratuito

INFO: 06 99701300
APERITIVO IN CONCERTO A CONVOGLIA, il nuovo momento di happening serale del sabato capitolino con open buffet e musica dal vivo

Aldo Bassi Trio special guest Riccardo Biseo al pianoforte, scalderanno l’atmosfera già suggestiva della sala Cappa Mazzoniana con un concerto intitolato The Miles Davis Experience, un repertorio dedicato al Miles Davis degli anni dal 1954 al 1964 nel periodo di transizione, tra il primo e il secondo grande quintetto del trombettista afroamericano, che ha rappresentato una fase di trasformazione per il musicista e per il jazz.

Grazie a questo geniale compositore proprio in quegli anni la musica afroamericana assume una nuova forma. Tecnicamente vedono la luce nuove strutture musicali con una prospettiva molto avanzata che ancora oggi risulta attuale. Gli stessi colori e atmosfere saranno presenti nel concerto di Aldo Bassi Trio con la pregevole presenza del pianista Riccardo Biseo sul palco dl Convoglia nel primo set. Nella seconda parte, il Trio, presenterà alcune delle composizioni originali di Aldo Bassi presenti nell’ultimo lavoro del compositore romano ‘New Resaerch’. (>> MORE)

Nel cartellone di marzo di Convoglia altri interessanti appuntamenti con i grandi della musica jazz: sabato 27 Marzo il prestigioso sassofonista Gianni Savelli con la sua formazione Gianni Savelli Media Res.

_________________________________
INFO  >> approfondimento CONVOGLIA

Costo della serata € 15.00 a persona
con prenotazione tavolo € 20.00 a persona

La quota comprende: open buffet, 1 drink, esibizione di musica dal vivo. Possibilità di cenare alla carta.

Convoglia – Viaggio di Sapori è un locale polifunzionale, aperto 7 giorni su 7 dalle ore 7 del mattino all’1 dopo la mezzanotte. 1900 mq dedicati alla gastronomia e al benessere articolati in diverse aree tematiche. Negozio gastronomico/osteria, griglieria/pizzeria con griglia a carbone e forno a legna, bar, food court con take away, zona eventi.